Toscana, nessun adempimento per la nuova iscrizione al Ruop per i vivaisti

Dal 14 dicembre prossimo entra in vigore il Registro unico degli operatori professionali che sostituisce l'attuale Registro ufficiale dei produttori. In Toscana il passaggio sarà effettuato di ufficio senza alcun impegno per le aziende

vivaismo-vasi-vivaio-by-liz-west-wikipedia-jpg.jpg

Toscana, nessun adempimento per l'iscrizione a Ruop dei vivaisti
Fonte foto: Liz West - Wikipedia

Con il 14 dicembre 2019 entra in vigore il Regolamento Ue 2016/2031 che diventa il testo di riferimento per la prevenzione fitosanitaria dell'Unione europea.

Il nuovo regolamento introduce anche il Registro ufficiale degli operatori professionali (Ruop), che va a sostituire il Registro ufficiale dei produttori (Rup) oggi in vigore, necessario per la tracciabilità dei soggetti che movimentano materiale vegetale.

In Toscana i vivaisti già iscritti al Rup verranno trascritti di ufficio al Registro ufficiale degli operatori professionali da parte del Servizio fitosanitario regionale senza alcun adempimento da compiere.

Il Servizio fitosanitario regionale sta già inviando, tramite Pec, il nuovo Codice Ue (IT 09 00000..) con il quale dal 14 dicembre 2019 sarà registrato sul Ruop a ciascun operatore professionale.

Nella stessa e-mail sono riportati anche i dati rilevanti trasferiti sul Ruop, come autorizzazioni, registrazioni, accreditamenti ecc.., che, in caso di difformità dalla situazione effettiva, dovranno essere aggiornati entro il 30 aprile 2020 nell'ambito della comunicazione annuale che tutti gli iscritti devono presentare.

Gli operatori professionali iscritti al Rup con sede legale fuori dalla regione ma che conducono appezzamenti in Toscana, riceveranno un invito a registrarsi presso il Servizio fitosanitario competente per il luogo ove ricade la loro sede legale.

Infine il Servizio fitosanitario sottolinea che gli operatori che conducono superfici agricole e non hanno inserito il Piano colturale grafico su Artea, dovranno provvedere entro il 30 aprile 2020, pena l'impossibilità di conservare la registrazione al Ruop.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 213.966 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner