Vite da vino, il controllo cocciniglie è targato Biogard

L'azienda propone una linea completa di soluzioni innovative e a basso impatto ambientale in accordo con le più recenti direttive in materia di agricoltura sostenibile

Info aziende
uva-bianca-italiana-vite-vitivinicoltura-by-maurizio-fotolia-750.jpeg

Negli ultimi anni è aumentata la presenza delle cocciniglie farinose nei vigneti
Fonte foto: © Maurizio - Fotolia

La vite da vino (Vitis vinifera) gioca un ruolo di primaria importanza nell'ambito delle produzioni agricole sia in produzione integrata sia in agricoltura biologica.
La coltivazione avviene in differenti areali dal Nord al Sud Italia, dalla pianura alla montagna e, di conseguenza, sono numerose le variabili da considerare per definire i percorsi fitoiatrici da applicare.
Negli ultimi anni è aumentata la presenza delle cocciniglie farinose nei vigneti dovuta principalmente alla diffusione del Planococcus ficus, insetto chiave nelle zone di coltivazione della vite di tutto il mondo.

Biogard®, divisione di Cbc Europe srl, propone per la difesa della vite una linea completa di soluzioni innovative e a basso impatto ambientale in accordo con le più recenti direttive in materia di agricoltura sostenibile: il diffusore Isonet® PF per la confusione sessuale, NeemAzal®–T/S, insetticida selettivo e l'utilizzo di insetti utili.

Nei vigneti le cocciniglie farinose trovano condizioni ottimali di sviluppo nei punti in cui la vegetazione è più fitta. La maggiore umidità, il poco arieggiamento e la scarsa luminosità ne favoriscono una rapida moltiplicazione. La difesa esclusivamente chimica è sempre abbastanza complicata in quanto le cocciniglie farinose, in genere, sono riunite in colonie riparate sotto il ritidoma del ceppo e dei cordoni permanenti e sono protette dalla corteccia durante l'inverno dove P. ficussverna prevalentemente come femmina fecondata. Nei mesi estivi le neanidi si muovono invadendo i nuovi germogli e i grappoli.
L'individuazione e la messa a punto del feromone sessuale di P. ficus ha permesso lo sviluppo del diffusore Isonet® PF per la confusione sessuale nei confronti della cocciniglia farinosa.

Isonet® PF è costituito da due microcapillari paralleli di materiale polimerico, uno dei quali contiene un filo di alluminio per l'applicazione al sostegno, mentre l'altro è riempito con la miscela feromonica specifica della cocciniglia (Lavandulyl senecioate). Il dosaggio di applicazione è di 500 diffusori/ha, più il rinforzo sui bordi. L'epoca di applicazione è prima dell'inizio del volo del maschio, orientativamente entro la prima metà di aprile.

Nell'ottica di una strategia integrata e nel caso in cui si sia a conoscenza di infestazioni particolarmente elevate, è consigliabile trattare il vigneto nella prima fase della stagione con NeemAzal®-T/S, insetticida a base di Azadiractina A con proprietà sistemica e attivo su diversi fitofagi, comprese le cocciniglie. Il prodotto va impiegato a 2-3 l/ha nella fase di migrazione delle neanidi sulla nuova vegetazione avendo cura di bagnare bene la chioma. NeemAzal®-T/S garantisce un buon controllo delle neanidi, consentendo alla confusione sessuale e agli insetti utili di svolgere al meglio la loro attività di controllo del fitofago.

Per il controllo delle cocciniglie farinose una interessante integrazione è rappresentata dai lanci di Anagyrus pseudococci e Cryptolaemus montrouzieri che, tra l'altro, si integrano perfettamente con l'impiego della confusione sessuale e insetticidi selettivi come il NeemAzal®-T/S.
 
Neemazal

A. pseudocci è un parassitoide solitario attivo dalla primavera all'autunno (13°-38°C), che compie più generazioni con cicli di 3-4 settimane. La sua capacità di ricerca è molto elevata ed agisce anche a bassi livelli di infestazione; può essere utilizzato per lanci precoci già da fine aprile-maggio. Le cocciniglie parassitizzate (seconda e terza età) si gonfiano e diventano delle mummie giallo-marrone da cui sfarfallano gli adulti del parassitoide. La dose di impiego va dai 1000 ai 2000 adulti/ha, da ripartire in più lanci.
C. montrouzieri è un coccinellide predatore utilizzato da molto tempo per la difesa contro le cocciniglie farinose. Gli adulti devono essere distribuiti vicino ai punti di infestazione, così da avere un rapido contatto con le prede. La capacità di predazione è molto alta e porta fino ad una completa eliminazione del fitofago, per cui l'applicazione è indicata soprattutto nei focolai di infestazione.

Nella strategia di difesa indicata vengono proposti mezzi ecocompatibili e innovativi che Biogard® ha messo a punto e che sono presenti sul mercato in un'unica strategia di difesa che si propone diversi obiettivi:
  • ottenere produzioni in accordo con i migliori standard qualitativi e quantitativi;
  • ridurre gli input chimici nell'ambiente di coltivazione;
  • consentire, quando richiesto, la produzione di derrate alimentari a residuo zero o con un numero limitato di residui, grazie all'impiego di prodotti privi di residuo determinabile;
  • rinnovare, grazie ad una solida base tecnica, l'approccio alla difesa fitosanitaria del tecnico e dell'agricoltore.

Si tratta di un portafoglio di mezzi innovativi e di un'offerta assolutamente unica che può fornire accesso al più alto livello di sviluppo nell'approccio al contenimento sostenibile delle avversità delle colture.