Olivi, disseccamento favorito da degradazione del suolo e meno autodifese degli alberi?

Evento organizzato da Regione Puglia, Copagri Puglia, Città di Copertino e Bac, Birra Spinelli, CaSalumi produzione salami casaranesi e Agritalia. Mercoledì 14 dicembre, Copertino (Le)

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

olivo-ramo-olive-ulivo-olivicoltura-by-fabioderby-fotolia-750.jpeg

Copertino (Le), 14 dicembre 2016
Fonte foto: © fabioderby - Fotolia

Mercoledì 14 dicembre si terrà a Copertino (Le) il convegno intitolato "La degradazione del suolo, la riduzione delle autodifese degli alberi favoriscono il disseccamento degli olivi?" organizzato da Regione Puglia, Copagri Puglia, Città di CopertinoBac, Birra SpinelliCaSalumi produzione salami casaranesi e Agritalia.

Alle 16.30 a Villa Phoenix, interverranno in veste di relatori: il professor Alexander Abramets, responsabile del laboratorio delle sostanze umiche e della qualità fisico-chimica dei suoli dell'Istituto di Gestione del patrimonio naturale dell'Accademia nazionale delle Scienze della Bielorussia; Serge Demkoff, direttore della Compagnia di ricerca e produzione AridGrow Production. La compagnia approva i lavori più innovativi dell'Istituto di Gestione del patrimonio naturale dell'Accademia nazionale delle Scienze della Bielorussia, nel campo della tutela dell'ecologia e della natura; il professor Luigi De Bellis dell'Università del Salento, direttore del dipartimento di Scienze e tecnologie biologiche e ambientali sulla ricerca di cultiva tolleranti o resistenti a Xylella fastidiosa; l'agronomo Emanuele Gabriele Tommasi, esperto aziende settore biologico, Psr Regione Puglia 2014-2020, misura 5, finaziamenti a sostegno delle aziende colpite dal batterio Xylella fastidiosa.

Le conclusioni dell'evento, moderato da Gianluigi Cesari della task force Xylella fastidiosa, saranno affidate a Maria Cristina Solfizi, direttore nazionale Copagri. Traduzione di Svetlana Voronkova.

Scarica il programma
 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 239.263 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner