Innovazione e sostenibilità nel presente e futuro di Bayer CropScience

Si è svolta nella mattinata del 12 dicembre 2012 la conferenza stampa di fine anno, con la partecipazione dell'amministratore delegato della sede italiana, Karina von Detten

Cristiano Spadoni di Cristiano Spadoni

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di Bayer.

karina-von-detten-ad-bayer-cropscience-121212-7297.jpg

Karina von Detten, amministratore delegato di Bayer CropScience srl

"Il 2013 sarà un anno determinante per l'agricoltura italiana. E per Bayer sarà storico: il gruppo festeggerà il 150° dalla sua fondazione. Diversi saranno gli eventi in tutto il mondo." E' Karina von Detten, amministratore delegato di Bayer CropScience srl ad aprire la conferenza stampa di fine anno presso la sede di Milano. Tracciando il percorso fatto nel 2012, segnala che "l'innovazione è nel nostro Dna. Il successo delle nostre soluzioni nasce da più ingredienti ben amalgamati: ricerca, ascolto, collaborazione."
Ne sono esempi il budget di tre miliardi di Euro all'anno investiti per l'innovazione, l'introduzione di otto nuove molecole nel 2012 e la recente acquisizione di Agraquest, azienda che sviluppa e produce microorganismi innocui all'uomo e estratti vegetali che sono attivi per la protezione delle colture. "I prodotti di origine biologica assumeranno un ruolo chiave nel futuro della protezione delle piante. Ma questa non è una novità per Bayer che è fra i pionieri della lotta integrata, fra l'altro in un territorio come quello italiano dove prima di tutti vengono sviluppate le tecniche di integrated pest management". Il progetto di sviluppo di soluzioni nate dall'attività di Agraquest prevede l'inserimento di prodotti a catalogo nel medio termine.

L'evento è l'occasione per presentare altre due novità per il 2013.
"Nel 2013 tutti i viticoltori italiani potranno utilizzare la nuova specialità Luna Privilege per il controllo di botrite su uva da vino e da tavola". Particolare attenzione sarà inoltre dedicata agli hobby farmer ai quali sarà proposto un catalogo ad hoc che nasce dalla collaborazione fra Bayer Cropscience e Bayer Garden.


L'articolo continua sotto l'immagine
Bayer CropScience - slogan conferenza stampa 2012

 

I progetti per la sostenibilità di Bayer CropScience

Sono quattro le filiere interessate da questi progetti che vedono la collaborazione di istituti pubblici e operatori privati.

1. Filiera Vino: MagisVino

Si è raggiunto un traguardo concreto: nel 2013 saranno certificate dal marchio Magis le prime 20 delle oltre 80 aziende aderenti, che hanno utilizzato metodi di produzione sostenibili in linea con il protocollo Magis.

2. Filiera Frutta: Magis Uva da Tavola

A Fruit Logistica saranno presentati i risultati del progetto Uva da Tavola. Parteciperanno le 11 aziende produttrici coinvolte ed i 12 partner che hanno elaborato il protocollo di gestione sostenibile specifico per questa coltura

3. Orticoltura: focus sulla IV gamma

Qualità e sicurezza nella produzione delle insalatine: in primavera, la fiera Agrosud sarà occasione di approfondire il tema e di presentare il volume della linea Coltura e Cultura dedicato a queste coltivazioni.

4. Grano duro

E' nato GranFiliera che vede il coinvolgimento di Bayer CropScience in un progetto che coinvolge tutti gli step, dalla scelta varietale, alla protezione, alla fertilizzazione.

Il 2013 vedrà l'azienda protagonista di vari eventi dedicati sia agli operatori, sia alla stampa, sia ai consumatori finali. "La sfida più grande di Bayer per il 2013?" secondo Karina von Detten sarà "la partecipazione costruttiva alla crescita del settore."

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Autore:

Tag: fitosanitari magis sostenibilità

Rubrica: Magis, viticoltura sostenibile