L'utilizzo dei coadiuvanti antideriva nei trattamenti erbicidi

Agronotizie pubblica le relazioni dell'incontro tecnico organizzato da Intrachem Bio Italia e Agridyne sul tema della deriva

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di CBC (Europe) :: Divisione Biogard.

intrachem bio.jpg

Intrachem Bio Italia, incontro tecnico

Si è tenuto nei giorni scorsi a Bologna l'incontro tecnico dal titolo 'L’utilizzo dei coadiuvanti antideriva nei trattamenti erbicidi' a cura di Intrachem Bio Italia S.p.A. in collaborazione con Agridyne e Horta S.r.l..

Agronotizie pubblica le relazioni presentate nel corso dell'evento.

 

Massimo Benuzzi – Servizio tecnico Intrachem Bio Italia
Gondor – Prodotto antideriva di origine biologica (scarica il PDF)
E’ stato presentato il Gondor come primo prodotto antideriva biologico a base di lecitina di soia , bagnante e antideriva, registrato nello scorso anno che permette di mantenere il range delle particelle tra i 100 e i 400 micron (impedendone la perdita per evaporazione o scivolamento superficiale.

Pierluigi Meriggi – Horta s.r.l
Uso sostenibile degli agrofarmaci e misure di mitigazione della deriva
La relazione ha evidenziato cosa sia la deriva e quali sono gli effetti negativi della stessa sulla salute delle persone, sulla qualità delle acque e dei corpi idrici, sulla concimazione delle colture adiacenti e sulla possibile fitotossicità.
Si tratta di un argomento particolarmente importate anche perché nell’ambito delle misure specifiche per la tutela delle acque prevista dalla nuova direttiva europea, è stata evidenziata la norma che prevede la preferenza per l’uso di tecniche di applicazione che riducano la deriva dei prodotti fitosanitari.
Sono stati poi presentati gli strumenti di mitigazione utilizzabili e la loro effettiva efficienza sulla base delle sperimentazioni condotte.

Giovanni Dinelli DISTA (Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali) Università di Bologna – Facoltà di Agraria
Il ruolo dei coadiuvanti per incrementare l’efficacia dei trattamenti erbicidi (scarica il PDF)
La prova ha evidenziato coemil prodotto si possa miscelare con i vari prodotti erbicidi senza alcun effetto negativo sulla efficacia erbicida ma esaltandone l’efficacia su alcuni casi “difficili” ed anticipando la morte di alcune infestanti.
Particolarmente interessanti i dati che hanno evidenziato l’incremento della traslocazione degli erbicidi miscelati con Gondor (anche nell’ordine del 35-40%) e la maggiore velocità di traslocazione e assorbimento degli stessi (rilevabile, in particolare nelle prime ore dopo l’applicazione).

Patrick Debat – Agridyne
Evoluzione del mercato dei coadiuvanti in Francia con riferimento particolare all’utilizzo dei coadiuvanti antideriva, motivazioni tecniche, pratiche e ambientali (scarica il PDF)
Dopo una breve presentazione dell’azienda, è stato presentato il settore dei coadiuvanti in Agridyne, a base di lecitina, lattice sintetico, organo siliconici, oli vegetali mutilati: il fatturato di questi prodotti è passato da 8 a 17 milioni di euro dal 2005 al 2009.
Si tratta di un mercato in rapida crescita, specialmente alla luce delle nuove normative, specialmente nel settore degli erbicidi nel quale permette un migliore concotrollo della deriva e la riduzione dei quantitativi di acqua utilizzabili.

Fabio Fiorentini – Intrachem Bio Italia
La qualità dei trattamenti fitosanitari in relazione al volume di bagnatura e alla deriva (scarica il PDF)
La presentazione ha evidenziato come l’efficacia di un trattamento dipenda non solo dalla sostanza attiva impiegata, ma anche da come la stessa è stata applicata (atomizzazione) ed è giunta sul target (trasporto al target).
In pratica il volume di prodotto impiegato non è molto influente… ma lo sono molto di più la dimensione delle singole goccioline che sono state distribuite ed il fatto che le stesse abbiano raggiunto il target: la relazione ha evidenziato come tra i fattori che influenzano l’atomizzazione si collochi l’uso appropriato di coadiuvanti.

Fonte: Agronotizie