Colture

vite-per-uva-da-vino

Vite per uva da vino
Vitis vinifera

La vite è una pianta antichissima che da milioni di anni è presente nelle zone temperate del pianeta; solo da qualche migliaio di anni però si è cominciato a produrre vino. Alla fine del 1800 ha cominciato a differenziarsi la coltivazione tra prodotto destinato alla produzione di vino e quello per il consumo fresco. Il frutto della vite è molto ricco di zucchero, soprattutto fruttosio e lattosio. Meno ricco di acqua rispetto ad altri frutti, ha però un effetto diuretico, dovuto al contenuto di potassio. Ha anche proprietà lassative, dovute all'azione di buccia e semi. La vite fa parte dell’ordine delle Rhamnales, famiglia delle Vitaceae o Ampelidaceae, sottofamiglia delle Ampelideae e genere Viti. Per l’interesse commerciale prendiamo in considerazione le specie americane (Vitis riparia, Vitis rupestris e Vitis berlandieri) ed europee (Vitis vinifera). Le viti che noi normalmente coltiviamo appartengono alla Vitis vinifera sativa. Il frutto della vite è una bacca (acino), costituito da un epicarpo o buccia, dal mesocarpo o polpa (tessuto molle e succoso) e dall'endocarpo (tessuto membranoso in cui sono contenuti i semi o vinaccioli). Gli acini sono posti sui pedicelli che formano, con le ramificazioni del grappolo, il raspo. La forma, la dimensione, il colore e il sapore variano a seconda della varietà. I cirri o viticci (erbacei durante l'estate, lignificano con la fine del ciclo vegetativo) sono organi di sostegno volubili. L’impianto dove vengono coltivate la vite si chiama vigneto o vitigno. La vite può essere coltivata per la produzione di uva da vino, di uva da tavola o da mensa, di uva da essicazione e di uva da conserve alimentari. L’uva da tavola può avere varietà con semi e senza semi o apirene. Fra le varietà più diffuse Italia, Victoria, Matilde, Michele Palieri, Zibibbo, Crimson Seedless. La scienza che studia il vino si chiama enologia. Possiamo avere uva con acini di colore bianco o giallo e rosso. I vini che vengono prodotti da questi acini possono essere bianchi, rossi o rosati. Menzione a parte meritano i vini passiti per la metodologia di produzione. Fra le varietà più diffuse Falanghina, Fiano, Greco di Tufo, Verdicchio, Aglianico, Primitivo, Nero d’Avola, Chardonnay, Pinot, Sauvigon, Cabernet Sauvigon, Merlot, Brunello, Sangiovese, Trebbiano, Montepulciano.

Come ti affino il vino nel mare

La cantina diventa subacquea e l'ambiente sottomarino diventa il luogo ideale per l'affinamento di Albana, Cabernet, Merlot e Sangiovese. La storia della Tenuta Del Paguro
sub-vino-tenuta-del-paguro-inabissato-rubrica-agroinnovatori-giu-2020-fonte-tenuta-del-paguro

Giulia Romualdi di Giulia Romualdi

C'è chi al mare affida i suoi sentimenti o i suoi pensieri più intimi scrivendoli in un foglietto all'interno di una bottiglia di vetro e lasciandoli alle correnti, e c'è chi invece al mare lascia l'affinamento delle proprie bottiglie di vino. Tra questi ultimi ...

Rubrica: AgroInnovatori: le loro storie

Ocm vitivinicolo: accesso alla misura "Investimenti"

Approvate le istruzioni operative da parte di Agea. A cura di CICA Bologna, Assistenza tecnica e servizi per lo sviluppo delle imprese
vino-bicchiere-uva-igor-normann-fotolia-750

231 Academy CICA Bologna di 231 Academy CICA Bologna

L'Agenzia per le erogazioni in agricoltura - Agea ha approvato le istruzioni operative per l'accesso alla misura "Investimenti" dell'Ocm vitivinicolo per la campagna 2020-2021. L'applicazione di tale regime è stata definita dal decreto del ministero ...

Sicilia, la vendemmia verde punta al raddoppio

Cia Sicilia Occidentale sta premendo perché si possa cumulare la misura della Ocm vino con il diradamento parziale dei grappoli previsto dal decreto Rilancio. Già ottenuta l'esclusione della totale incompatibilità tra i due bandi
vino-bottiglie-vigneto-vite-uva-filiera-by-pfpgroup-adobe-stock-750x499

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

E' conto alla rovescia per la presentazione delle istanze di aiuto per la "vendemmia verde" da parte dei viticoltori siciliani, misura a sostegno del comparto dell'Ocm vino, parzialmente rafforzata dal decreto per tamponare la grave emergenza economica attraversata da tutto il ...

Video

15 giu 2020 469 visualizzazioni

TAEGRO, il nuovo fungicida biologico per vite e orticole

TAEGRO è il nuovo fungicida biologico di origine naturale a base di Bacillus amyloliquefaciens ceppo FZB24, registrato per la protezione di vite e colture orticole da botrite, oidio, bremia e sclerotinia. Ad ampio spettro di azione, TAEGRO è indicato sia all’interno di programmi di difesa integrata sia in agricoltura biologica.

Fotogallery

3 lug 2018

Enovitis in Campo 2018 - macchine agricole

21-22 giugno Fabbrico (Re)


Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner