Colture

olivo

Olivo
Olea europaea L.

L'olivo o ulivo (Olea europaea L.) è una pianta da frutto appartenente alla famiglia delle Oleaceae. È una pianta molto longeva: in condizioni climatiche favorevoli può vivere anche mille anni. I suoi frutti, le olive, sono impiegate per l'estrazione dell'olio e, in misura minore, per l'impiego diretto nell'alimentazione. A causa del sapore amaro dovuto al contenuto in polifenoli, l'uso delle olive come frutti nell'alimentazione richiede però trattamenti specifici finalizzati alla deamaricazione (riduzione dei principi amari), realizzata con metodi vari. ll frutto è una drupa ovale, di colore variabile dal verde al violaceo. La polpa è carnosa e contiene il 25-30 % di olio, raccolto all'interno delle sue cellule sottoforma di piccole goccioline. Il seme è legnoso, ovoidale, ruvido e di colore marrone. È una pianta sempreverde, la cui attività è pressoché continua con attenuazione nel periodo invernale. Per quanto riguarda le cultivar, il parametro che viene maggiormente utilizzato nella classificazione è quello che le suddivide in relazione alla destinazione del frutto. In base a ciò si distinguono: cultivar con olive da olio, ad esempio per la produzione di olio Evo - olio extravergine di oliva (Bosana, Canino, Carboncella, Casaliva, Coratina, Dolce Agogia, Frantoio, Leccino, Moraiolo, Pendolino, Rosciola, Taggiasca), cultivar con olive da mensa (Ascolana Tenera, Oliva di Cerignola, Sant'Agostino), cultivar a duplice attitudine (Carolea, Itrana, Tonda Iblea).

Toscana, almeno per l'olio il 2020 va bene

Produzione in aumento rispetto allo scorso anno, in controtendenza con l'andamento nazionale che vede un calo produttivo generale secondo i primi dati sulla campagna olearia riportati da Coldiretti e Legacoop
olive-olio-raccolta-by-matteo-giusti-agronotizie-jpg

E' un bilancio positivo quello che appare dai primi dati della campagna olearia 2020-2021 in Toscana, dove la produzione sta facendo registrare un aumento del 31% rispetto allo scorso anno. E questo in un quadro che a livello nazionale appare negativo, con una produzione complessiva in ...

Psr Umbria, il bando per le filiere corte dell'olio

A disposizione oltre 5 milioni di euro per fare partenariati tra produttori e trasformatori, realizzare nuovi oliveti, migliorare le tecnologie in frantoio e fare investimenti commerciali. Scadenza il 31 marzo 2021. All'interno il link al bando
olio-olive-olivo-by-matteo-giusti-agronotizie-jpg

L'Umbria ha aperto un bando per la costituzione di filiere corte dell'olio, dove olivicoltori e frantoiani si mettano insieme per offrire sul mercato un prodotto che vada direttamente dai produttori ai consumatori senza altri intermediari di mercato. E per farlo, il bando, attivato ...

Xylella, municipi in affanno e 32,8 milioni di indennità compensative sono a rischio

Coldiretti Puglia preoccupata per il vincolo di bilancio sull'annualità 2016: va pagata agli agricoltori entro il 31 dicembre, poiché non è possibile impegnare la somma sul 2021
banconote-soldi-euro-by-wolfilser-fotolia-750

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

Serve una brusca accelerata nelle procedure dei 121 comuni delle province di Lecce, Brindisi e Taranto che devono liquidare 67 milioni di euro entro il 31 dicembre 2020 il conto delle calamità naturali dovute alla Xylella fastidiosa sulle annualità 2016 e 2017. Questo perché ...

Xylella, come valutare la convenienza degli innesti

Ricostruire la chioma di un olivo con marze di cultivar resilienti è consentito e nel caso degli olivi monumentali è incentivato, ma non sempre conviene. Si tratta di un tentativo da esperire su piante bimembri adulte e sane
xylella-fastidiosa-abbattimenti-olivi-infetti-29ago19-fonte-coldiretti-puglia

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

La Xylella fastidiosa può essere arginata utilizzando la pratica degli innesti di marze resilienti (Fs-17 o Leccino) su tronchi di olivi di cultivar sensibili al batterio? E se la risposta è affermativa, come orientarsi per massimizzare il successo dell'operazione? Domande ...

Video

22 ott 2020 2737 visualizzazioni

La Xylella fastidiosa spiegata in cinque minuti

Dai primi casi registrati fino alle ultime misure adottate a livello europeo. E la ricerca per la cura a che punto è? Leggi l'articolo completo: https://bit.ly/2TfJJZN Servizio realizzato da: Alessio Pisanò e Danilo De Rosa In questo filmato: Alessio Pisanò, l'inviato a Bruxelles di AgroNotizie Incubo degli olivicoltori, la #Xylellafastidiosa continua la sua avanzata. Se i focolai più intensi si osservano in Italia, con i primi casi registrati in Salento ad ottobre 2013, a fare i conti con il #batterio all'origine del complesso del disseccamento rapido dello #olivo sono anche Francia, Spagna e Portogallo. L'Unione europea dunque è scesa in campo con una serie di misure per far fronte al problema e nel frattempo, con tre progetti in corso, la ricerca sta andando avanti per trovare una cura. Scopri di più guardando il video di Alessio Pisanò. Guarda gli altri video della playlist L'agricoltura a Bruxelles 2020: https://bit.ly/34l7CWe Tutti i video di AgroNotizie sono su: www.agronotizie.it/video-agricoltura/ Puoi seguirci anche su • www.facebook.com/AgroNotizietwitter.com/AgroNotiziewww.instagram.com/agronotizie Su AgroNotizie trovi approfondimenti dedicati alle tecnologie per l'agroalimentare, dalla precision farming fino alle innovazioni introdotte dal mondo della ricerca. Online, le interviste, i fatti, gli appuntamenti, novità dalle aziende. -------------------------------------------------------- AgroNotizie è un sito del network di Image Line: www.imagelinenetwork.com -- Soundtrack: Corporate Motivational Inspiring Upbeat & Uplifting by StockSounds via EnvatoMarket-AudioJungle

Fotogallery

12 lug 2018

Fascia di ulivi tra Assisi e Spoleto

L'organizzazione Onu per agricoltura e alimentazione ha inserito i 9mila ettari della fascia olivata tra le due città umbre tra i suoi Globally Important Agricultural Heritage Systems


Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner