Colture

olivo

Olivo
Olea europaea L.

L'olivo o ulivo (Olea europaea L.) è una pianta da frutto appartenente alla famiglia delle Oleaceae. È una pianta molto longeva: in condizioni climatiche favorevoli può vivere anche mille anni. I suoi frutti, le olive, sono impiegate per l'estrazione dell'olio e, in misura minore, per l'impiego diretto nell'alimentazione. A causa del sapore amaro dovuto al contenuto in polifenoli, l'uso delle olive come frutti nell'alimentazione richiede però trattamenti specifici finalizzati alla deamaricazione (riduzione dei principi amari), realizzata con metodi vari. ll frutto è una drupa ovale, di colore variabile dal verde al violaceo. La polpa è carnosa e contiene il 25-30 % di olio, raccolto all'interno delle sue cellule sottoforma di piccole goccioline. Il seme è legnoso, ovoidale, ruvido e di colore marrone. È una pianta sempreverde, la cui attività è pressoché continua con attenuazione nel periodo invernale. Per quanto riguarda le cultivar, il parametro che viene maggiormente utilizzato nella classificazione è quello che le suddivide in relazione alla destinazione del frutto. In base a ciò si distinguono: cultivar con olive da olio, ad esempio per la produzione di olio Evo - olio extravergine di oliva (Bosana, Canino, Carboncella, Casaliva, Coratina, Dolce Agogia, Frantoio, Leccino, Moraiolo, Pendolino, Rosciola, Taggiasca), cultivar con olive da mensa (Ascolana Tenera, Oliva di Cerignola, Sant'Agostino), cultivar a duplice attitudine (Carolea, Itrana, Tonda Iblea).

Potatura dell'olivo, sette consigli per non sbagliare

Mentre migliaia di agricoltori si apprestano a potare gli ulivi è bene ricordare sette semplici regole per avere piante sane e produttive
olivo-monumentale-ulivo-by-adamico-fotolia-750

Tommaso Cinquemani di Tommaso Cinquemani

Siamo ormai in pieno inverno e molti agricoltori, dalla Lombardia alla Puglia, si stanno apprestando ad intervenire sugli oliveti per la potatura. Una pratica colturale necessaria per gestire la produttività delle piante, preservarne la sanità e mantenere l'impianto funzionale ...

Olio extravergine, nuovo calo di 20 centesimi

A Bari l'extravergine di olive di alta qualità il 14 gennaio scende a 3,40 euro al chilo sui massimi, mentre il biologico finisce sotto i 4 euro. Intanto continuano a crescere le giacenze
olio-extravergine-oliva-by-luigi-giordano-fotolia-750

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

Il mercato dell'olio di oliva extravergine torna nuovamente a dare segnali negativi. I prezzi sulla piazza di Bari - rimasti fermi nella seduta dello scorso 7 gennaio sui valori del 17 dicembre - tornano a scendere e di ben 20 centesimi sulle precedenti quotazioni, pervenendo a 3,00 euro al ...

Xylella, come rimodulare il Piano straordinario?

La ministra Bellanova lo ha promesso: ci saranno più soldi per gli olivicoltori danneggiati. D'accordo Confagricoltura, che propone anche di calcolare tempi più lunghi per gli indennizzi compensativi destinati ai frantoi
olivo-oliveto-by-enrico-rovelli-fotolia-750

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

In queste ore al ministero delle Politiche agricole si lavora ad una versione aggiornata del decreto interministeriale che dovrà varare il Piano straordinario per la rigenerazione olivicola della Puglia da 300 milioni di euro, previsto dall'articolo 8-quater dalla legge 44/2019, che ha ...

Xylella, pronto il piano per la rigenerazione del Salento

Presentato ieri al mondo agricolo, sarà finanziato con i 300 milioni stanziati con la legge 41/2019 e il 16 gennaio sarà all'attenzione della Conferenza Stato-Regioni. Bellanova: "Non tutti i soldi per gli olivicoltori, occorre ricostruire il territorio"
incontrobellanovamondoagricoloxxylella08gen2020coldirettipuglia

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

Indennizzi, investimenti, ricerca. Sono le tre parole chiave della rigenerazione olivicola della zona infetta da Xylella fastidiosa della Puglia non soggetta a misure di contenimento che la ministra alle Politiche agricole, alimentari e forestali Teresa Bellanova ha voluto ribadire ieri, aprendo ...

Video

11 giu 2019 166 visualizzazioni

Il made in Italy alla conquista del Giappone

Il Giappone rappresenta una nicchia nell'export agroalimentare italiano, ma dopo l'entrata in vigore del trattato di libero scambio con l'Unione europea si aprono interessanti spazi per le nostre aziende, soprattutto nel campo dell'olio, del vino e dei formaggi Leggi l'articolo completo: https://bit.ly/2WCi5ub Servizio realizzato da: Tommaso Cinquemani In questo filmato: Denis Pantini, responsabile area agroalimentare di Nomisma Il primo febbraio scorso è entrato in vigore il trattato di libero scambio tra Unione europea e #Giappone. Un trattato che ha ridotto a zero i dazi doganali che gravavano sulle merci prodotte in Italia ed esportate nel paese del Sol Levante. Di commercio Italia-Giappone si è parlato durante un evento organizzato da #Nomisma e Crif dal titolo 'L'agroalimentare #madeinItaly alla conquista del #mercato del Sol Levante. Le opportunità per il Food&Beverage italiano in Giappone'. Ma che cosa acquistano i giapponesi? Al vertice della classifica si posiziona il vino con il 19%, segue l'olio con il 13%, il pomodoro trasformato con il 9,4% e il formaggio con l'8,9%. Guarda gli altri video della playlist 2019 Notizie agricoltura - 1° semestre: https://bit.ly/2B1AMe3 Tutti i video di AgroNotizie sono su: www.agronotizie.it/video-agricoltura/ Puoi seguirci anche su • www.facebook.com/AgroNotizietwitter.com/AgroNotiziewww.instagram.com/agronotizie Su AgroNotizie trovi approfondimenti dedicati alle tecnologie per l'agroalimentare, dalla precision farming fino alle innovazioni introdotte dal mondo della ricerca. Online, le interviste, i fatti, gli appuntamenti, novità dalle aziende. -------------------------------------------------------- AgroNotizie è un sito del network di Image Line: www.imagelinenetwork.com -- Soundtrack: Corporate Motivational Inspiring Upbeat & Uplifting by StockSounds via EnvatoMarket-AudioJungle

Fotogallery

12 lug 2018

Fascia di ulivi tra Assisi e Spoleto

L'organizzazione Onu per agricoltura e alimentazione ha inserito i 9mila ettari della fascia olivata tra le due città umbre tra i suoi Globally Important Agricultural Heritage Systems


Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner