L'agricoltura del futuro, fra big data e sostenibilità

"La guida indispensabile al nuovo anno". Così viene descritta l'edizione speciale "Il mondo di Wired 2015" che contiene in otto sezioni "oltre cento novità e tendenze che cambieranno (in meglio) la nostra vita", come riporta l'introduzione del documento che è scaricabile da gennaio dal sito Wired.it.

Cristiano Spadoni di Cristiano Spadoni


"La guida indispensabile al nuovo anno". Così viene descritta l'edizione speciale "Il mondo di Wired 2015" che contiene in otto sezioni "oltre cento novità e tendenze che cambieranno (in meglio) la nostra vita", come riporta l'introduzione del documento che è scaricabile da gennaio dal sito Wired.it.

Spazio anche all'agricoltura, citata in alcuni brani che riportiamo.

"L'agricoltura diventerà un settore basato sui dati" dichiara Emiliano Kargieman, ceo e fondatore di Satellogic (Kargieman ha fondato l'azienda Core Security Technologies operante nel campo della sicurezza informatica ed ha concepito l'idea alla base di Satellogic nel 2010); "per molto tempo gli agricoltori si sono affidati all'euristica e a informazioni incomplete ricavate dalle misurazioni a terra. I dati satellitari ci consentiranno di monitorare le biomasse, rilevare le epidemie animali e le invasioni di insetti e prevedere i raccolti".

(...) Dopo il 2015, Kargieman ipotizza l'utilizzo dei dati satellitari per la distribuzione degli alimenti, la gestione delle risorse naturali, la risposta alle calamità e il controllo delle frontiere. "Lo spazio è affascinante e a tutti piace parlarne", aggiunge; "noi stiamo cercando di conquistare lo spazio in modo diverso, utilizzandolo per affrontare i grandi problemi della Terra".

Tratto da "Satelliti argentini a orbita bassa" - a cura di David Hambling.

 

È giunto il momento di prendere sul serio le acque di scarico. "Sono una vera risorsa", afferma Jacob Tompkins, managing director di Waterwise, ong con sede in Gran Bretagna che promuove un uso sostenibile dell'acqua. (...) Il riciclo delle acque reflue sarà inoltre cruciale per la sopravvivenza del settore agricolo americano. John Barsotti, presidente e fondatore di Heron Innovators, società con sede in California che sviluppa tecnologie per il filtraggio delle acque reflue, afferma che un'altra siccità lascerebbe "incolto più del venticinque percento delle terre agricole della Central Valley dello Stato". 

Tratto da "Tiriamo l'acqua al nostro mulino" - a cura di Michael Hodges

 

Informazioni tratte da: "Il mondo nel 2015, secondo Wired"

Licenza Creative Commons - This opera is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

Copertina edizione speciale Wired

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Autore:

Tag innovazione sostenibilità acqua big data

post successivo post precedente

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner