La comunicazione è uno strumento potente e migliora il lavoro delle persone ma anche delle macchine agricole. Se fino a poco tempo fa il dialogo partiva dalla trattrice verso le attrezzature, oggi con la soluzione Isobus Tractor Implement Management (Tim) anche gli attrezzi inviano dati ai trattori.

 

È in occasione dell'evento in campo organizzato il 19 maggio 2022 presso l'Azienda Agricola Bonfanti a Solferino (Mn) che, insieme a clienti e concessionari, abbiamo visto come l'innovativa tecnologia Tim di Kubotacertificata dall'Aef, migliora la pressatura.

 

Pressatura mai così semplice

La rotopressa a camera variabile BV5160 Plus, tramite Tim, comanda la velocità di avanzamento del trattore M7173 Premium KVT con trasmissione a variazione continua, nonché l'inserimento e la velocità della Pto posteriore e i distributori idraulici posteriori.

Il controllo della Pto ottimizza la formazione della balla, mentre la gestione del flusso idraulico aumenta l'efficienza di apertura e chiusura del portellone.

 

Combinazione trattore rotopressa Tim di Kubota

 

L'invio di dati dalla pressa al trattore automatizza otto passaggi sugli undici totali utili al confezionamento di una balla. Il conducente deve solo controllare le funzioni del cantiere ed eseguire tre operazioni non automatizzabili per motivi di sicurezza.

"Insieme al comfort dell'operatore, aumentano l'efficienza di lavoro e la qualità delle balle, poiché l'uso di Tim riduce i tempi morti, limita gli errori umani e assicura caratteristiche standard delle balle" spiega Stefano Bottacin, responsabile Assistenza Tecnica di Kubota. Anche l'espulsione migliora: la rotopressa rileva la pendenza e se il pendio è troppo ripido informa il driver di spostarsi e premere un pulsante per l'espulsione in un luogo sicuro.

 

Driver, zero stress in cabina

Tim sull'M7173 e sulla BV5160 Plus si attiva premendo un tasto sulla plancia destra e un'icona sul display touch K-monitor. Inizia così la pressatura. La velocità di guida lungo l'andana viene impostata in base alle condizioni operative (grandezza dell'andana, tipo di prodotto).

Tim accelera la Pto, porta il trattore alla velocità impostata e lo rallenta quando la balla è formata al 90%. Un segnale acustico avvisa il conducente della decelerazione.


Espulsione della balla dalla pressa Kubota BV5160 Plus

Espulsione della balla dalla pressa Kubota BV5160 Plus

(Fonte foto: AgroNotizie)

 

A balla formata il trattore si ferma per la legatura, automatizzata anche sulle presse tradizionali, e l'espulsione della balla. Un ulteriore segnale acustico avvisa l'operatore che può avviare il secondo ciclo di pressatura premendo il pedale dell'acceleratore. In caso di inconvenienti o ingolfamenti, il processo può essere interrotto tramite pedale e dal display si può selezionare il fondo apribile (drop floor).

 

"Il K-monitor controlla contemporaneamente le diverse funzioni dell'attrezzatura da un'unica schermata, senza che l'operatore debba passare da una pagina all'altra" spiega Sandro Battini, direttore commerciale di Kverneland Group Italia che gestisce la vendita Kubota Orange Implements. Tramite il monitor, è anche possibile registrare gli ettari totali, le ore lavorate, il numero di balle e l'umidità media, tutti dati utili per stilare un report.


Kubota K-monitor per il controllo della pressatura con Tim

Kubota K-monitor per il controllo della pressatura con Tim

(Fonte foto: AgroNotizie)

 

Cosa richiede la tecnologia Tim?

Per ora Tim è disponibile sui trattori M7133-7153-7173 Premium KVT nuovi ma anche in aftermarket per quelli già sul mercato. Il kit Kubota è composto da una centralina (da aggiornare periodicamente), cablaggio, switch + adattatore switch e staffe di fissaggio. Indispensabile la licenza gratuita per il 2022.

 

Inoltre, Tim è offerta sulle rotopresse BV 5160 e 5200 Plus dotate di Techno Pack, un pacchetto composto da due sensori di umidità e un sensore di espulsione della balla che inviano dati in tempo reale in cabina. I primi (ad elettrodi) misurano la conducibilità elettrica del prodotto nella camera di compressione, il secondo rileva l'avvenuta espulsione della balla o l'eventuale danneggiamento della rete in fase di chiusura del portellone, segnalando al trattore se ripartire o fermarsi.


Kubota M7173 KVT e BV5160 Plus in azione

Kubota M7173 KVT e BV5160 Plus in azione

(Fonte foto: AgroNotizie)

 

Oltre a dialogare tra loro, gli M7003 con potenze da 130 a 170 cavalli e le BV 5000 Plus possono comunicare, rispettivamente, con attrezzature e trattrici Tim certificate di diversi altri brand. Ciò facilita il lavoro di chi possiede flotte multimarca.

 

Work in progress

In futuro Tim consentirà alla rotopressa di controllare anche altre funzioni del trattore: l'inserimento e il regime della Pto anteriore per l'uso di tramogge frontali, il controllo della posizione dei sollevatori anteriore e posteriore per la gestione di falciatrici e spandiconcime. "Intendiamo espandere il protocollo Isobus per aumentare la produttività, la qualità, la sicurezza del lavoro e le possibilità d'uso" afferma Bottacin.


BV5160 Plus è la prima attrezzatura Kubota capace di gestire il trattore

BV5160 Plus è la prima attrezzatura Kubota capace di gestire il trattore

(Fonte foto: AgroNotizie)


"Prossimamente vedremo Tim su seminatrici, sprayer, spandiconcime e falciacondizionatrici" afferma Battini, confermando il prossimo arrivo della tecnologia anche sui modelli M7003 con trasmissione Powershift e su attrezzature diverse dalle presse.

Kubota-M7173KVT-BV5160-TIM.jpg
Trattore Kubota M7173 KVT e rotopressa BV5160 Plus con tecnologia Tim Fonte foto: Agronotizie