La movimentazione di materiali e altre attività in campo o in azienda sono un gioco da ragazzi con la Serie 5 di Landini che comprende i trattori 5-100, 5-110 e 5-120 da 95 a 114 cavalli e il più piccolo 5-085 da 75 cavalli. I tre modelli più potenti - proposti negli allestimenti Active o Dynamic e nella versione High Clearance HC (5-100 e 5-110 Active) - formano una bella coppia con i robusti caricatori frontali L20, mentre il 5-085 supera se stesso con i caricatori L15.

 

Gli utility - ordinabili anche con livrea Blue Icon e cerchi nero opachi - offrono prestazioni paragonabili a mezzi di categoria superiore in ogni situazione. Secondo Antonio Salvaterra, direttore Marketing di Argo Tractors, "assicurano sempre la massima efficienza e un ottimo comfort per l'operatore. Nati da un attento percorso di ricerca e sviluppo, rispondono ai bisogni di ogni azienda".

 

Blue fuori e green dentro

La principale novità sta sotto il cofano: i 5-100, 5-110 e 5-120 montano nuovi motori a quattro cilindri, 16 valvole FPT F36 da 3,6 litri che offrono potenze aumentate rispetto ai modelli Stage IIIB e coppie massime di 395, 430 e 460 newtonmetri (+34 newtonmetri sul top di gamma). I sistemi EGR-DOC-SCRoF (SCR on filter) abbattono le emissioni inquinanti entro i limiti previsti dallo Stage V e, essendo integrati sotto il cofano, assicurano piena visibilità dalla cabina.

Le emissioni ridotte si accompagnano ad un'ottima autonomia grazie al serbatoio del gasolio da 135 litri e a quello dell'AdBlue® da 13 litri.


Motore FPT Stage V sotto il cofano BlueIcon di Landini Serie 5

Motore FPT Stage V sotto il cofano BlueIcon di Landini Serie 5

(Fonte foto: Argo Tractors)

 

Diversamente, il 5-085 possiede un propulsore a quattro cilindri, otto valvole FPT F34 da 3,4 litri che eroga una coppia massima di 375 newtonmetri a soli 1.400 giri al minuto, con una riserva di coppia pari al 56%. Anch'esso rispetta lo Stage V usando i sistemi EGR-DOC-DPF.

 

Trasmissioni... davvero su misura

La versatilità dei 5-100, 5-110 e 5-120 passa dalla disponibilità di ben otto trasmissioni made in Argo Tractors. Le più semplici sono le Speed Four da 12AV +12RM o da 24AV + 24RM con super riduttore a cui si aggiungono quelle con due marce powershift Hi-Lo da 24AV + 24RM o da 32AV + 32RM con super riduttore. Queste quattro versioni hanno l'inversore meccanico.

 

L'inversore è, invece, idraulico sulle altre quattro trasmissioni: due Power Four e due T-Tronic con tre marce powershift Hi-Medium-Low da 36AV +12RM o da 48AV + 16RM con super riduttore. Tali versioni offrono 16 marce nel range di velocità da 4 a 12 chilometri orari. I modelli con inversore idraulico possiedono anche il dispositivo di bloccaggio meccanico della trasmissione Park Lock per l'arresto sicuro in pendenza.


Le otto trasmissioni di Landini Serie 5 assicurano grande efficienza in campo

Le otto trasmissioni di Landini Serie 5 assicurano grande efficienza in campo

(Fonte foto: Argo Tractors)

 

Sul 5-085 sono disponibili tre trasmissioni: Power Four da 12AV + 12RM con inversore meccanico o idraulico, Power Four con Hi-Lo da 24AV + 24RM con inversore elettroidraulico e T-Tronic con HML da 36AV + 12RM con inversore elettroidraulico. Su tutti i modelli Serie 5 le trasmissioni affinate trasmettono potenza alle ruote in modo più efficiente e con minori consumi, il sistema Engine Memo Switch memorizza e richiama il numero di giri motore ideale per il lavoro in atto.

 

Serie 5: uno sguardo al sottocarro

Fa la differenza nelle lavorazioni e nel trasporto con i 5-100, 5-110 e 5-120 il nuovo assale anteriore sospeso (optional) che gestisce al meglio le asperità del terreno, garantendo sempre alti livelli di comfort, sicurezza e stabilità.

 

Il sistema Twin Lock, invece, massimizza trazione e aderenza tramite l'inserimento e il disinserimento automatico del blocco dei differenziali anteriore/posteriore e della doppia trazione. Il driver può frenare sulle quattro ruote in uno spazio ridotto del 50% grazie all'Integrated Brake System (Ibs) con freni a bagno d'olio integrati nell'assale anteriore.

 

Idraulica nel segno della produttività

Trattori che usano spesso i caricatori devono avere un impianto idraulico performante. Sui 5-100, 5-110 e 5-120, il nuovo circuito a centro aperto offre portate massime di 32 litri al minuto per lo sterzo e 62 o 82 litri al minuto per i servizi, oltre a 35 litri prelevabili quando necessario. I sei distributori - tre posteriori a controllo meccanico, uno elettrico e, in opzione, due ventrali meccanici per sollevatore anteriore e caricatore frontale - sono di quattro tipi: standard, kick out, flottante e motore idraulico.

Circuito a centro aperto anche per il 5-085, dove una pompa doppia invia 30 litri al minuto allo sterzo e 56 litri al minuto ai servizi attraverso un massimo di cinque distributori (tre posteriori e due ventrali).

 

Gestione ottimale dei caricatori Landini L20 con l'idraulica della Serie 5

Gestione ottimale dei caricatori Landini L20 con l'idraulica della Serie 5

(Fonte foto: Argo Tractors)

 

Posteriormente, i tre modelli più potenti hanno un sollevatore da 4.500 chili che può essere meccanico, meccanico con Ergonomic Lift System (Els) o elettronico e una Pto a due (540/540E) o quattro velocità (540/540E/ 1000/1000E). L'inserimento avviene mediante la frizione a comando idraulico, i comandi remoti sui parafanghi o la funzione Auto Pto. Anteriormente, ci sono un sollevatore da 2.200 chili e una Pto da mille giri al minuto.


L'equipaggiamento del 5-085 comprende un sollevatore posteriore meccanico con Els o elettronico che alza fino a 3.900 chili e una Pto posteriore a due o quattro velocità. Disponibili in opzione il sollevatore anteriore da 1.700 chili e la Pto da mille giri al minuto.

 

Total View Slim, c'è proprio tutto

Le lunghe giornate di lavoro passano velocemente a bordo della cabina Total View Slim dei 5-100, 5-110 e 5-120, rigida o sospesa meccanicamente su due punti. La struttura a quattro montanti con ampie vetrate e fari led (fino a dieci) offre una visuale perfetta intorno al trattore, anche con scarsa luminosità, mentre il tettuccio trasparente garantisce una visione ottimale sui caricatori L20. Disponibile anche il tetto ribassato Slim per operare in edifici bassi.


Ottimo controllo del caricatore dalla cabina di Landini Serie 5

Ottimo controllo del caricatore dalla cabina di Landini Serie 5

(Fonte foto: Argo Tractors)

 

Oltre a disporre di volante reclinabile e telescopico, comandi ergonomici e climatizzazione interna, il driver controlla bene il mezzo tramite il nuovo joystick per la gestione di varie funzioni (alto/basso, carico/scarico; terza e quarta funzione del caricatore; Hi-Lo e HML della trasmissione) e il display touch da 8,4 pollici. Quest'ultimo è la porta di accesso alla guida satellitare, al sistema Isobus e al sistema telematico Landini Fleet Management per il controllo dei parametri macchina e la diagnostica da remoto.

Anche il 5-085 è dotato di cabina Total View Slim con ampie vetrate, tettuccio trasparente apribile e climatizzazione (opzionale). Inoltre, c'è il sistema Landini Fleet Management.

 

L15 e L20: ottimi colleghi

I caricatori frontali Landini esaltano ulteriormente l'operatività della Serie 5. Progettati per non limitare il raggio di sterzata e realizzati in acciaio HLE ad alto limite elastico, i modelli L15 da 1.500 chili e L20 da 1.800 chili funzionano in modo lineare, evitando sollecitazioni che ridurrebbero le performance dell'assale anteriore grazie all'ammortizzatore con due accumulatori di azoto, e operano con un'ampia gamma di attrezzi grazie all'Euro Hitch.

Molto prestanti, i caricatori sono anche facili da installare (pure con sollevatore anteriore) e usare. I supporti speciali dei trattori agevolano il montaggio e lo smontaggio, mentre i tubi rigidi del circuito idraulico riducono il riscaldamento dell'olio semplificando la manutenzione. Infine, l'asta livello benna permette di vedere facilmente l'angolazione dell'attrezzo rispetto al terreno durante le manovre.

Landini-5-120-caricatore-Fieragricola2022.jpg
Landini 5-120 con caricatore frontale L20 a Fieragricola 2022 Fonte foto: Agronotizie