Attrezzature portate, semiportate e trainate: cosa cambia?

Ogni attrezzo ha le sue peculiarità. FederInfo mette in luce le differenze tra i vari implement, da conoscere anche per circolare su strada in modo corretto e sicuro

kuhn-vb-7190-trainata.jpg

Rotopressa KUHN VB 7190, trainata dal trattore
Fonte foto: Kuhn Italia

Le attrezzature agricole non possono parlare ma - se lo facessero - ci direbbero che non sono tutte uguali.
A spiegarci le differenze tra attrezzi portati, semiportati e veicoli trainati è Lorenzo Iuliano del servizio tecnico di FederUnacoma nel secondo video di FederInfo, pubblicato su YouTube.

Come nel filmato precedente dedicato al trattore, anche questa volta l'argomento è interessante, perché i tre tipi di implement presentano caratteristiche - dalla soluzione di collegamento alla trattrice alla presenza o meno di ruote pivotanti - che influiscono molto sui loro movimenti e quindi sull'operatività del cantiere.
 

Quali differenze tra attrezzature agricole portate, semiportate e veicoli trainati?

Conoscere le differenze è particolarmente importante per circolare su strada senza problemi con attrezzature portate/semiportate (non omologabili) e trainate, soggette invece ad omologazione. Attenzione ai pannelli di segnalazione e alle dimensioni delle macchine che, in alcuni casi, sono eccezionali!

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.102 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner