Agritechnica posticipata al 2022

La fiera di Hannover non si terrà a novembre di quest'anno, ma dal 27 febbraio al 5 marzo 2022. La priorità degli organizzatori è offrire una pianificazione certa ai partecipanti

agritechnica-2019-padiglione-fendt.jpg

Visitatori nel padiglione di Fendt ad Agritechnica 2019
Fonte foto: Agritechnica

Dopo Sima ed Eima, anche Agritechnica cambia date a causa dell'emergenza coronavirus. L'importante rassegna di macchine agricole - inizialmente in programma a novembre 2021 - aprirà le porte dal 27 febbraio al 5 marzo 2022 ad Hannover (Germania) con una vasta esposizione di soluzioni e un ricco programma riguardante i principali temi d'interesse della meccanizzazione agricola.

Considerando l'evoluzione della pandemia e dei programmi di vaccinazione a livello internazionale, l'organizzatore Dlg, il Vdma (associazione tedesca di macchine agricole) e il comitato consultivo degli espositori concludono che la situazione attuale è troppo incerta per pianificare la kermesse in autunno e optano per il rinvio di quattro mesi.

In ogni caso, da novembre 2021 i soggetti interessati potranno collegarsi alla piattaforma digitale di Dlg per accedere a informazioni preziose, conoscere novità, seguire eventi online e scoprire nuove opportunità di networking. La piattaforma accompagnerà gli utenti verso l'edizione fisica rafforzandone la portata.
 

Un'Agritechnica migliore in primavera

I requisiti essenziali per potersi ritrovare tutti ad Hannover, punto d'incontro per l'intero settore delle macchine agricole a livello mondiale, sono - sostiene Reinhard Grandke, ad di Dlg - "i vaccini e i test già messi in atto in Europa e nel mondo. Oggi la nostra priorità è offrire ad espositori e visitatori certezze per la pianificazione e siamo convinti che potremo dare informazioni chiare ai partecipanti entro fine estate 2021, termine ultimo per la registrazione degli espositori ad Agritechnica 2022".

"La rassegna è e continuerà ad essere fiore all'occhiello nel mondo delle fiere internazionali" aggiunge Anthony van der Ley, presidente Vdma. "Con Dlg, abbiamo fatto tutto il possibile per organizzare una fiera sicura in autunno. Purtroppo la terza ondata della pandemia e le deludenti politiche di vaccinazione del Governo tedesco ci hanno rallentato. Ora guardiamo alla primavera 2022 con nuovo slancio e rinnovata energia puntando a vivere insieme un'Agritechnica come la amiamo".
 

Espositori, fiduciosi nel futuro

Alcune aziende espositrici hanno già manifestato le loro opinioni sul cambio di date. "Da molti anni vediamo Agritechnica come una forza trainante l'innovazione nel settore delle macchine agricole" afferma Christoph Gröblinghoff, vicepresidente e presidente del Cda di AGCO/Fendt. "In nessun altro luogo possiamo conoscere in modo così ampio e approfondito le nuove tecnologie per l'agricoltura. Per noi è la piattaforma di presentazione e comunicazione ideale che rende tangibile il futuro dell'agroalimentare. Attendiamo con impazienza marzo 2022".

"Agricoltori e imprenditori investono nel domani anche durante la pandemia" dichiara Klaus-Herbert Rolf di Claas, presidente del gruppo di lavoro Vdma "Stampa e pubblicità". "Lo dimostra la forte domanda di mezzi agricoli, trattori e software innovativi. Oggi però manca il dialogo personale con il cliente e l'esperienza diretta, in breve manca il fascino di un evento dal vivo quale è sempre stata Agritechnica".