Cereali, pronti alla semina con le macchine Arbos

Il Gruppo di Carpi ha realizzato una ampia gamma di seminatrici pneumatiche e meccaniche adatte ad ogni tipo di cerealicoltura

Info aziende
arbos-msd20-combi.jpg

Arbos offre un'ampia gamma di seminatrici da cereali
Fonte foto: Arbos Group SpA

Arbos mette in campo la sua linea di attrezzature destinate alla semina dei cereali. Seminatrici meccaniche e pneumatiche efficienti e versatili, frutto del know-how acquisito in anni di lavoro da MaterMacc, azienda storica del settore entrata a far parte del Gruppo Arbos nel 2015.

Nel segmento delle seminatrici meccaniche si posiziona MEK, una seminatrice in linea per cereali, ideale per terreni finemente lavorati e provvista di disco singolo per una migliore gestione del residuo colturale. Medesime caratteristiche valgono per MEK-X, che permette però una minima lavorazione del terreno e la deposizione di due semi diversi grazie al doppio dosatore.

Gli ingegneri Arbos si sono impegnati per garantire il minor peso a sbalzo possibile sulla trattrice e, quindi, un minor assorbimento di potenza, consumi ridotti e miglior maneggevolezza in manovra. Le soluzioni individuate sono in grado di rispondere alle necessità di ogni agricoltore in termini di prodotto da interrare (semi di diverse misure da 0,5 millimetri a 10 millimetri o concime), ma anche di tipologia di terreno e quantità da distribuire (da 1 a 500 chilogrammi ettaro). Il tutto in versioni portate o trainate da 2,5 fino a 4 metri.
 
La seminatrice Arbos UST
La seminatrice Arbos UST

Tra le seminatrici pneumatiche fa il suo ingresso in campo MSD, la seminatrice in linea adatta per terreni lavorati o semi-lavorati. Seguono MSD 2.0, che vanta un'imbattibile uniformità di dosaggio grazie alle 4 teste di distribuzione, MSD 2.0 Elektro, dotata di motore elettrico e MSD 2.0 FTC che aumenta la capacità della tramoggia seme senza compromettere la stabilità del trattore.

Tra i cavalli di battaglia anche MSD 2.0 Combi che unisce i pregi della MSD 2.0 alla potenza dell'erpice rotante e offre una larghezza di lavoro che può raggiungere i 6 metri sui modelli MSD 2.0 Combi Folding. Infine, punta di diamante è UST, l'innovativo modello per semina diretta sotto-superficiale, tecnica agronomica in crescita, dove si punta a mantenere la fertilità del terreno azzerando le lavorazioni che precedono la semina.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.620 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner