Sima, "Machine of the Year 2015" all'Opus di Väderstad

Il coltivatore della casa svedese permette di lavorare a ritmi elevati e di ottenere ottimi risultati con un unico passaggio

Lorenzo Cricca di Lorenzo Cricca

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

vaderstad.jpg

Opus di Väderstad è stato premiato al Sima come 'Machine of the Year 2015'
Fonte foto: Vaderstad

Il coltivatore Opus di Väderstad ha vinto il premio "Machine of the Year 2015" al Sima di Parigi, il Salone internazionale dell'agricoltura e dell'allevamento che si è tenuto dal 22 al 26 febbraio nella capitale francese.

"Siamo molto felici di questo premio - dice Crister Stark, amministratore delegato di Väderstad.
Speriamo che l'Opus possa essere usato da molti agricoltori in fase di lavorazione del terreno, è un potente coltivatore costruito su un telaio robusto e resistente, che ne allunga la vita lavorativa.


Opus Väderstad insignito del premio "Machine of the year" al Sima 2015
 

Con una distanza tra i denti di 27 centimetri e una distanza dal suolo di 80 centimetri, il coltivatore è in grado di gestire grandi quantità di residui colturali. Permette di lavorare ad elevati ritmi con risultati di rilievo anche in un singolo passaggio.
I packers sono intercambiabili nelle diverse tipologie per offrire la massima flessibilità, anche con diversa umidità e struttura del terreno.
Ogni giorno continuiamo ad essere curiosi e cercare soluzioni tecniche che semplificano la vita di tutti i giorni degli agricoltori".


Carrier L e Carrier XL
Väderstad ha lanciato nel novembre 2014 le due nuove macchine Carrier L e Carrier XL.
"Sono coltivatori molto versatili e flessibili adatti a lavori anche molto pesanti e duraturi nel tempo. Le due macchine presentano rispettivamente dischi con diametro di 51 centimetri e 61 centimetri - spiega Stark.
 

Carrier XL 625 al Sima 2015

Sono disponibili con larghezze di lavoro che vanno da 425 a 825 centimetri e sono progettate per soddisfare la richiesta di quegli agricoltori che vogliono gestire grandi quantità di residui del raccolto e vogliono lavorare a grandi profondità.
L'angolo di lavoro è regolabile e permette alla macchina di affettare l'intero profilo del suolo indipendentemente dalla profondità. Può essere montata una vasta gamma di packer, utili per affinare ulteriormente il terreno ed adeguarlo al meglio alle esigenze produttive dell'agricoltore".

 

Da sinistra: François Doisy (direttore commerciale di Väderstad France), Mattias Hovnert (responsabile Sales and marketing Väderstad) e Crister Stark 


Wad e-control
E' un sistema di controllo sviluppato da Väderstad per consentire agli agricoltori di gestire la macchina utilizzando un iPad.
"E' disponibile per le macchine Tempo e Rapid - continua Stark - e rappresenta un'ulteriore evoluzione del sistema Isobus. Permette all'agricoltore di migliorare e incrementare ulteriormente la sua efficienza produttiva.
 

Wad e-control, il sistema che pemette di gestire la macchina utilizzando un iPad, evoluzione del sistema Isobus.


I principali vantaggi sono la facilità d'uso, l'economicità e la facilità di aggiornamento. L'applicazione è scaricabile gratuitamente dall'Apple store. Predispone di un'interfaccia "user friendly" che la rende molto semplice nell'utilizzo, rispetto anche ai sistemi proprietari.
L'iPad è posto in un supporto specifico accompagnato da una pulsantiera utile per una facile manovrabilità della macchina. La comunicazione tra la macchina e l'iPad avviene attraverso una rete wireless sicura: non è necessario quindi avere una connessione internet".

 

Consegnato il millesimo Tempo
La moderna seminatrice Tempo ha rapidamente guadagnato quote di mercato in Europa. Secondo l'indagine svolta dall'azienda tedesca Vdma, questa macchina attualmente presenta in Europa quote di mercato pari al 6 per cento.

"La seminatrice Tempo ha dimostrato tutto il suo valore e la sua tecnologia in più di un'occasione. E' unica sul mercato per precisione, velocità di lavoro e performance produttive. Recentemente in una gara endurance in Bulgaria ha seminato continuativamente in 24 ore 306 ettari di girasole. Un vero record. La macchina che è stata utilizzata è la Tempo R 12 ad una velocità media di 19 chilometri all'ora. Complessivamente la resa per ettaro è stata di 3,6 tonnellate. Questo dato può essere confrontato con la resa media della Bulgaria che è di 2 tonnellate per ettaro. Durante questa edizione del Sima abbiamo voluto premiare il nostro millesimo cliente per questa tipologia di macchina".
 

Da sinistra: Mattias Hovnert, Crister Stark, Mr. Pauly Michel (millesimo cliente della seminatrice Tempo) e François Doisy 

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: macchine agricole agricoltura di precisione sostenibilità agricoltura conservativa sima

Temi caldi: Sima 2015

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 197.409 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner