Unigreen presenta le nuove barre idrauliche ALA 500-600

EIMA International 2010 - Nuove barre per un salto di qualità nel campo del diserbo e dei trattamenti su colture orizzontali

Contenuto promosso da Unacoma Service s.u.r.l., Unigreen
Questo articolo è stato pubblicato oltre 10 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

logo UNIGREEN.jpg

Eima 2010: Unigreen presenterà ALA 500-600

Unigreen Spa presenta in Eima 2010 il nuovo progetto ALA500-600 Unigreen con cui propone alla propria clientela un salto di qualità nel campo del diserbo e dei trattamenti su colture orizzontali.

Con ALA500-600 Unigreen Unigreen mette a frutto la sua esperienza trentennale nel settore per proporre nuove barre e nuovo design. In più,  nuovala struttura per avere maggiore stabilità in curva e su terreno particolarmente accidentato, il nuovo sistema autolivellante ammortizzato con ritorno a molle e il variatore d'assetto con ampio angolo di inclinazione per essere sempre parallela al terreno, sono garanzia di trattamenti uniformi.

I materiali utilizzati rispondono alle esigenze di affidabilità e durata necessarie per un prodotto professionale, il telaio è in acciaio alta qualità che garantisce eccellenti prestazioni tecniche e con verniciatura in 4 fasi (decapaggio, sabbiatura, fondo e verniciatura a polvere).

La nuova gamma è disponibile in versione da 18 e 21 metri con bracci ad apertura verticale (serie 500) o orizzontale (serie 600) ed equipaggia i polverizzatori Unigreen sia con sollevamento a carrello che a parallelogramma.

Le movimentazioni idrauliche delle barre sono controllati dal sistema Eledrive con pulsantiera in cabina, a richiesta sono disponibili versioni con geometria variabile e manica d'aria.


ALA 521 montata su CAMPO32P Unigreen

 


ALA 621 montata su CAMPO32P Unigreen
 

EIMA International 2020 - Pad. 26 Stand A/26

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 251.047 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner