'L'Arcobaleno' di Bertoni: l'irroratrice con un occhio all'economia e all'ambiente

Perché sprecare prodotto attraverso i fenomeni di deriva? Il ricircolo interno dell'aerosol permette di abbattere gli sprechi e di limitare l'impatto ambientale

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Arcobaleno_Bertoni.jpg

Anche trattando in perfetta assenza di vento, si sa, più di un terzo dell’aerosol irrorato si disperde nell’ambiente senza giungere a bersaglio. Spesso, è più il prodotto che si deposita sul terreno, che deriva nei canali e nei campi confinanti, che si disperde in atmosfera, di quello che si deposita sulla coltura.
“L’Arcobaleno” di Bertoni è un’innovativa irroratrice a tunnel, caratterizzata da un sistema brevettato con circolazione d’aria interna. Ciò permette il recupero e il riutilizzo dell’agrofarmaco non depositato sulle piante.
Compatta e maneggevole: “L’Arcobaleno” è quindi ideale soprattutto per i vigneti meccanizzati e i frutteti, dove garantisce la massima produttività ed efficienza. La notevole ergonomicità de “L’Arcobaleno”, unita al passo corto, al baricentro basso e all’ingombro ridotto, favoriscono infatti la manovrabilità dell’irroratrice tra i filari. “L’Arcobaleno” riduce anche i consumi del trattore grazie ad un basso assorbimento di potenza
La distribuzione della poltiglia è di ottima qualità: garantendo una bagnatura uniforme e mirata si migliora la penetrazione del prodotto anche negli strati più interni della vegetazione. Si dimezzano poi i tempi del trattamento, potendo irrorare contemporaneamente entrambi i lati dei filari e limitando il numero delle soste in azienda, grazie all’aumento dell’autonomia di lavoro dovuta al riutilizzo dell’agrofarmaco recuperato.
Anche l’ambiente ringrazia: si limitano al minimo le perdite di prodotto sul terreno e nell’aria. Ciò comporta un ovvio beneficio per l’atmosfera, per il suolo e per le acque di falda e superficiali. Si riduce infine anche l’esposizione di organismi non bersaglio (come pure dell’operatore e degli eventuali aiutanti), dato il forte contenimento della nuvola di aerosol, la quale viene concentrata quasi totalmente sulle chiome delle piante.

 

Fonte: Bertoni - Green Technology

Autore: D S

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.368 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner