Il conflitto in Ucraina è solo l'ultimo elemento che si aggiunge a uno scenario già gravato dal covid-19, dall'aumento della domanda globale di commodity agricole guidata dalla Cina, dall'allarme per i cambiamenti climatici che fra siccità e altre incognite ha contribuito a infiammare i prezzi dei cereali, dei semi oleosi, ma anche a rallentare la logistica, a far salire il costo dei trasporti, dell'energia e dei carburanti, mettendo in difficoltà il reperimento di fertilizzanti da parte di molti Paesi. Un quadro reso ancora più preoccupante se si pensa che Russia e Ucraina sono importanti esportatori di olio e farina di grano, mais, orzo e girasole.

 

L'invasione russa dell'Ucraina ha interrotto le esportazioni agricole dalla regione e creato incertezze sulle forniture del Mar Nero, facendo aumentare ulteriormente i prezzi delle materie prime e aumentando la volatilità del mercato. È lo scenario denunciato dal Dipartimento di Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), che nei giorni scorsi ha pubblicato un report dettagliato sulle conseguenze dell'invasione dell'Ucraina da parte dei russi. Con un rischio che, innegabilmente, è figlio di una globalizzazione imperfetta. La crisi dei prezzi degli alimenti e dell'inflazione - si è già visto nel 2008 e nel 2021 - mette a rischio le aree del Pianeta maggiormente esposte alle importazioni delle materie prime.

 

L'attenzione, lo ha sottolineato anche la Fao nel suo recentissimo comunicato, è rivolta ai pericoli di innescare crisi alimentari in Africa (non soltanto nell'area del Maghreb, ma anche nel Centro Africa, che dipende in larga misura dalle forniture di derrate dalla Russia), Medio Oriente e in alcune regioni dell'Asia. L'allarme era stato lanciato anche da Fmi, Ocse e Usda.

 

Le esportazioni di cibo di Mosca e Kiev rappresentano circa il 12% del totale delle calorie scambiate a livello internazionale, ha ricordato Il Sole 24 Ore, mentre The Economist ha ribadito che, soprattutto nell'area mediorientale, "il pane è il principale alimento e il suo prezzo è sussidiato dai governi. L'impennata dei costi delle materie prime agricole rende i sussidi più costosi per i bilanci statali e ciò genera instabilità".

 

L'Indice dei prezzi alimentari dell'agenzia Onu è balzato a marzo ai massimi dal 1990, da quando cioè è stato creato. Il mese scorso tale Indice è salito del 12,6% rispetto a febbraio, toccando quota 159,3. Era a 119,2 a marzo del 2021. La guerra in Ucraina è stata in gran parte responsabile del forte rincaro dei cereali (+17,1%).
Ma sui futuri raccolti si farà sentire anche il calo delle forniture di fertilizzanti, di cui la Russia è il primo esportatore e che, fra le contromisure adottate in risposta alle sanzioni, ha vietato le vendite oltre i propri confini ai Paesi "non amici".

 

Leggi anche

Crisi in Ucraina, le risposte dell'Unione Europea

 

Aumenti delle materie prime dalla seconda metà del 2020

Come rilevato dal report Usda, "nel complesso, i prezzi delle materie prime agricole sono aumentati dalla seconda metà del 2020, alimentati dalla forte domanda di importazioni globali (soprattutto dalla Cina), dalle minori forniture mondiali a causa della siccità nell'emisfero settentrionale nell'estate del 2021 e dal restringimento delle scorte nei principali Paesi esportatori. Questi sviluppi si sono verificati quando la crescita economica mondiale è rimbalzata dalle misure di contenimento della pandemia. I prezzi del greggio e del gas naturale hanno iniziato a salire, riflettendo la ripresa economica. I prezzi elevati dell'energia hanno aumentato i costi dei fertilizzanti, di altri input e dei trasporti. L'attacco della Russia all'Ucraina ha interrotto le esportazioni agricole del Mar Nero, spingendo i prezzi più in alto ed esacerbando i costi elevati di energia e fertilizzanti".

 

Fatto sta che, conti alla mano, "negli ultimi 18 mesi i prezzi del grano sono aumentati di quasi il 110%, i prezzi del mais e dell'olio vegetale sono aumentati del 140% e i prezzi della soia sono aumentati del 90%".

 

Le politiche commerciali in risposta alle volatilità del mercato causate dalla guerra, in particolare le restrizioni alle esportazioni, stanno ulteriormente aumentando i prezzi dei generi alimentari.
Inoltre, la ripresa economica dopo le prime fasi del covid-19, ha "accelerato la domanda crescente di energia. I prezzi del greggio e del gas naturale hanno iniziato a salire alla fine del 2020, prendendo piede nel secondo trimestre del 2021. I prezzi del gas naturale sono aumentati drasticamente a metà del 2021, così come il prezzo dei fertilizzanti, poiché il gas naturale è un input chiave nei fertilizzanti produzione. L'alto costo del gas ha contribuito alla diminuzione della produzione di fertilizzanti in Europa e altrove".

 

La forte domanda commerciale e l'aumento dei prezzi dell'energia hanno portato a un aumento dei costi di trasporto e si sono aggiunti ai problemi della catena di approvvigionamento, con ripercussioni che non sono solamente legate a "tariffe di trasporto più elevate", ma che si estendono anche alle conseguenze dei ritardi nelle forniture commerciali, come nel caso delle spedizioni di chip per computer e parti di macchine, che minacciano "la capacità degli agricoltori di mantenere e far funzionare le attrezzature di produzione".

 

Dinamiche del mercato delle materie prime agricole

Le scorte di grano tra i principali esportatori globali si sono ridotte negli ultimi anni a causa della crescita del commercio internazionale. Si prevede che le scorte dei principali esportatori nel 2021-2022 saranno ai livelli più bassi degli ultimi dieci anni, esercitando una pressione al rialzo sui prezzi globali.

 

Le scorte nei principali Paesi esportatori di mais (Stati Uniti, Brasile, Argentina e Ucraina) dovrebbero essere le più basse dal 2012-2013. I prezzi della soia sono in aumento dalla fine del 2020, spinti dagli acquisti aggressivi dalla Cina.

 

La siccità

Accanto all'incognita legata alla disponibilità dei fertilizzanti, c'è anche il tema meteorologico a pesare, in quanto siamo alle prese con la peggiore siccità degli ultimi decenni che ha colpito parti delle regioni produttrici di soia del Sud America durante una fase critica di sviluppo delle colture, riducendo le prospettive delle colture e aumentando i prezzi di fagioli, farina e olio.

 

Anche i prezzi dell'olio vegetale sono stati elevati, riflettendo la forte domanda di olio di soia come materia prima per il biodiesel, le scarse forniture di olio di colza a seguito del piccolo raccolto canadese e i problemi di produzione e le politiche commerciali per l'olio di palma dalla Malesia e dall'Indonesia.

 

Gli sviluppi geopolitici

I prezzi elevati per le colture di base come il grano, scrive l'Usda, possono spostare la domanda dei consumatori verso altri alimenti come il riso. Ma è innegabile che l'aumento dei costi dei mangimi influirà sui prezzi del pollame e di altre proteine. Con quali conseguenze? Nei Paesi a basso reddito, è probabile che i consumatori riducano prima gli acquisti di questi articoli, portando a un minor consumo di proteine.

 

Grano

Per il grano, l'Ucraina rappresenta circa il 10% del commercio mondiale. In genere esporta principalmente grano macinato in Paesi mediorientali e africani e in Bangladesh e grano di qualità per mangimi in altri Paesi asiatici. Molti dei Paesi che dipendono dal grano ucraino stanno spostando gli acquisti verso l'Unione Europea, l'India, l'Australia e l'Argentina. Il grano statunitense è disponibile per l'esportazione ma a un prezzo più elevato rispetto ad altri fornitori.

 

Leggi anche

Grano e mais, mercati in attesa di nuovi segnali

 

Mais

Per il mais, l'Ucraina rappresenta circa il 15% del commercio mondiale. Esporta principalmente mais da foraggio verso l'Unione Europea, la Cina, il Medio Oriente e il Nord Africa. Il Brasile ha aumentato la superficie coltivata a mais in risposta ai prezzi elevati e fino al raccolto in America Latina si prevede che le esportazioni di mais statunitensi colmeranno qualsiasi divario di offerta globale.

 

Olio di girasole

Per l'olio di girasole, l'Ucraina e la Russia rappresentano circa l'80% delle esportazioni globali, quindi altri fornitori non possono compensare le ridotte spedizioni del Mar Nero. Tuttavia, gli importatori probabilmente sostituiranno oli meno costosi, che sono più facilmente disponibili, compreso l'olio di palma del Sud Est asiatico e l'olio di soia di Argentina, Brasile e Stati Uniti.

 

Farina di girasole

Per la farina di girasole, l'Ucraina fornisce quasi i due terzi della fornitura mondiale. Le alternative alla farina di girasole includono la farina di soia, la farina proteica più comune, nonché la colza e altre farine proteiche.

 

Leggi anche

Guerra in Ucraina, fermate le spedizioni di olio di girasole

 

Semine incerte

Le prospettive per la semina primaverile e la raccolta invernale in Ucraina rimangono incerte. Oltre alle interruzioni direttamente legate alla guerra, i produttori potrebbero dover fare i conti con forniture disponibili limitate di carburante e input, che potrebbero ridurre le piantagioni e le rese potenziali.

campo-mais-agricoltura-by-alexlukin-adobe-stock-750x364.jpeg
Le conseguenze dell'invasione dell'Ucraina da parte dei russi (Foto di archivio) Fonte foto: © alexlukin - Adobe Stock