L'Unione Europea celebra il biologico

Il 23 settembre di ogni anno sarà lo "European Organic Day". Una dimostrazione che la portata dell'agricoltura biologica e del cibo biologico è in costante aumento e il bio risponde alle richieste di qualità e sicurezza degli alimenti

Matteo Bernardelli di Matteo Bernardelli

agricoltura-biologica-bio-biologico-organic-rs-normativa-by-jurgen-falchle-fotolia-750.jpeg

L'Italia ha il 16% di Sau a biologico (Foto di archivio)
Fonte foto: © Jürgen Fälchle - Fotolia

L'Unione Europea celebra il biologico e annuncia che il 23 settembre di ogni anno sarà lo "European Organic Day", la Giornata europea sul biologico, a conferma di un'attenzione a un modello produttivo che sta crescendo in termini di superfici, produzioni, qualità e che è sempre più richiesto dai consumatori.

La decisione di una Giornata europea del bio è stata adottata in accordo fra Commissione, Consiglio (in questo semestre a guida slovena) e Parlamento ed è stata annunciata nella mattinata di ieri, 23 settembre 2021, a Bruxelles, alla presenza del commissario europeo all'Agricoltura, Janusz Wojciechowski, del ministro dell'Agricoltura della Slovenia, Jože Podgoršek, e di Benoit Lutgen, parlamentare europeo.

Se ci fosse bisogno o meno di un'altra giornata celebrativa non lo sappiamo dire, ma è innegabile che - alla luce del Piano d'azione per lo sviluppo della produzione biologica, presentato dalla Commissione Ue lo scorso 25 marzo e impostato su tre assi (incentivare i consumi, aumentare la produzione e migliorare ulteriormente la sostenibilità del settore) e 23 azioni per garantire una crescita equilibrata del settore, l'istituzione di un Organic Day su scala europea ben si inserisce e ben risponde agli obiettivi comunitari, declinati nella Pac e nelle strategie Farm to Fork e Biodiversity.

"Oggi celebriamo la produzione biologica, un tipo di agricoltura sostenibile in cui la produzione alimentare viene svolta in armonia con la natura, la biodiversità e il benessere degli animali. Il 23 settembre è anche l'equinozio d'autunno, quando giorno e notte sono ugualmente lunghi, simbolo di equilibrio tra agricoltura e ambiente che si adatta idealmente alla produzione biologica" ha spiegato il commissario europeo Wojciechowski. "Sono lieto che, insieme al Parlamento europeo, al Consiglio e agli attori chiave di questo settore, possiamo lanciare questa Giornata annuale europea sul biologico, una grande opportunità per aumentare la consapevolezza sulla produzione biologica e promuovere il ruolo chiave che svolge nella transizione verso sistemi alimentari sostenibili".

Una data che non sarà difficile ricordare anche in Italia, la cui agricoltura biologica è stata elogiata nel corso della conferenza stampa di presentazione dell'Organic Day dal commissario Wojciechowski, dal momento che il nostro Paese, con il 16% di Sau a biologico ha tutte le carte in regole per centrare l'obiettivo del 25% di Superficie agricola utile entro il 2030, come raccomandano le linee della strategia Farm to Fork all'interno del Green Deal.

La portata dell'agricoltura biologica e del cibo biologico è in costante aumento e il bio risponde alle richieste di qualità e sicurezza degli alimenti. "Aumentando il reddito nelle zone rurali, l'agricoltura biologica può svolgere un ruolo centrale nella ripresa dell'Europa basata sulla transizione verde e digitale. Aumentare la quota di agricoltura biologica contribuirà a rafforzare le filiere più corte e fornirà ulteriori opportunità alle piccole aziende agricole", ha detto il ministro sloveno Jože Podgoršek.

Benoit Lutgen, componente del Parlamento Europeo, ha desiderato ringraziare "tutti i pionieri dell'agricoltura biologica nell'Unione Europea, perché senza di loro non potremmo festeggiare una giornata così. Oggi devono essere felici, perché finalmente abbiamo una giornata a loro dedicata. Negli ultimi decenni, il consumo di prodotti biologici è aumentato, ma ha ancora bisogno di una spinta aggiuntiva nella catena alimentare per un futuro migliore dell'agricoltura biologica. Gli agricoltori devono scegliere di trasformare la loro agricoltura in produzione biologica".

Il Piano d'azione per lo sviluppo della produzione biologica prevede azioni come l'informazione e la comunicazione sulla produzione biologica, la promozione del consumo di prodotti biologici e la promozione di un maggiore utilizzo del biologico nelle mense pubbliche attraverso gli appalti pubblici. Inoltre, per aumentare la produzione biologica, la Pac rimarrà uno strumento chiave per sostenere la conversione all'agricoltura biologica. Il piano sarà integrato da eventi informativi e networking per condividere le migliori pratiche e certificazioni per gruppi di agricoltori piuttosto che per singoli individui.

Inoltre, per migliorare la sostenibilità dell'agricoltura biologica, la Commissione dedicherà almeno il 30% del budget alla ricerca e all'innovazione nel campo dell'agricoltura, della silvicoltura e delle aree rurali a temi specifici o rilevanti per il settore biologico.

Nessun contrasto fra produzione biologica e sicurezza alimentare, aspetto rilanciato prepotentemente in seguito alla pandemia. "Il biologico, in verità, permette anche alle imprese piccole e di stampo familiare, magari nelle zone svantaggiate, di essere competitive" specifica il commissario Wojciechowski. "Senza un modello biologico efficiente non potrebbero rimanere sul mercato". E avrebbero un solo destino: chiudere.

Positivi i commenti del mondo agricolo e biologico, da Ifoam a Cia, fino al sistema cooperativa dell'Alleanza Cooperative Agroalimentari.

E proprio in questi giorni Bayer ha annunciato un ampliamento dell'offerta di sementi per orticole sulla nuova piattaforma Vegetables by Bayer, che includerà sementi ottenute con il metodo biologico su colture strategiche per la serra: pomodoro, peperone dolce e cetriolo.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: biologico unione europea sicurezza alimentare sostenibilità