Psr Umbria, ultimi giorni per i bandi sul biologico

Fino al 17 maggio sarà possibile richiedere i contributi per l'introduzione o il mantenimento dell'agricoltura biologica sia per le coltivazioni che per gli allevamenti. All'interno i link ai bandi

grano-frumento-cereali-by-slavomir-pancevac-fotolia-750.jpeg

Biologico, in Umbria due bandi per il sostegno
Fonte foto: © slavomir pancevac - Fotolia

Ci sono ancora pochi giorni di tempo per presentare domanda di contributo per adottare o per mantenere i metodi dell'agricoltura biologica certificata in Umbria.

Sono aperti infatti fino al 17 maggio i due bandi per l'agricoltura biologica, uno per iniziare a seguire i metodi di coltivazione biologica, attivato sulla sottomisura 11.1 del Psr, e uno per mantenerli, attivato sulla sottomisura 11.2 del Psr.

Vediamoli nello specifico.


Introduzione dell'agricoltura biologica: sottomisura 11.1

Al bando possono partecipare come beneficiari tutti gli agricoltori in attività, singoli e associati, che conducano superfici o bestiame in Umbria e che introducano il metodo dell'agricoltura biologica.

I beneficiari si dovranno impegnare a mantenere la conduzione biologica per 5 anni, per l'esattezza dal 3 dicembre 2021 al 30 dicembre 2026.

Per le produzioni vegetali il bando prevede un contributo a superficie di:
  • 289 euro per i seminativi;
  • 135 euro per le foraggere poliennali avvicendate;
  • 480 euro per le ortive;
  • 756 euro per vite e fruttiferi;
  • 477 euro per gli olivi;
  • 480 euro per il tabacco;
  • fino a 209 euro/ettaro/Uba per i pascoli associati all'allevamento.
Nel caso queste coltivazioni siano in zone classificate come aree con problemi complessivi di sviluppo, i contributi sono ridotti a:
  • 272 euro per i seminativi;
  • 120 euro per le foraggere poliennali avvicendate;
  • 480 euro per le ortive;
  • 684 euro per vite e fruttiferi;
  • 451 euro per gli olivi;
  • 480 euro per il tabacco;
  • fino a 209 euro/ettaro/Uba per i pascoli associati all'allevamento.
Per gli allevamenti biologici il bando prevede un contributo calcolato in base al rapporto tra le Uba e le tipologie di colture e superfici coltivate, secondo esempi e modalità riportate nel testo del bando.

I contributi sono cumulabili con quelli previsti dalla sottomisura 11.2 per il mantenimento dell'agricoltura biologica, là dove si introduca il metodo biologico su nuove superficie o allevamenti e con i contributi della misura 13 per le indennità alle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici.


Mantenimento agricoltura biologica: sottomisura 11.2

A questo bando possono partecipare come beneficiari gli agricoltori singoli e associati in attività che già conducono coltivazioni o allevamenti biologici in Umbria.

I beneficiari si dovranno impegnare a mantenere i metodi di coltivazione o di allevamento biologico per almeno 3 anni, dal 31 dicembre 2021 al 30 dicembre 2024.

Per le produzioni vegetali il bando prevede un contributo a superficie di:
  • 232 euro per i seminativi;
  • 100 euro per le foraggere poliennali avvicendate;
  • 440 euro per le ortive;
  • 588 euro per vite e fruttiferi;
  • 390 euro per gli olivi;
  • 440 euro per il tabacco;
  • fino a 209 euro/ettaro/Uba per i pascoli associati all'allevamento.

Nel caso queste coltivazioni siano in zone classificate come aree con problemi complessivi di sviluppo, i contributi sono ridotti a:
  • 169 euro per i seminativi;
  • 92 euro per le foraggere poliennali avvicendate;
  • 406 euro per le ortive;
  • 580 euro per vite e fruttiferi;
  • 356 euro per gli olivi;
  • 406 euro per il tabacco;
  • fino a 209 euro/ettaro/Uba per i pascoli associati all'allevamento.

Per gli allevamenti biologici è previsto un contributo calcolato in base al rapporto tra le Uba e le tipologie di colture e superfici coltivate, secondo esempi e modalità riportate nel testo del bando.

I contributi sono cumulabili con quelli previsti dalla sottomisura 11.1 per l'avvio dell'agricoltura biologica, là dove si introduca il metodo biologico su nuove superficie o allevamenti e con i contributi della misura 13 per le indennità alle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici.


Aspetti comuni a tutti e due i bandi

Per entrambi i bandi il calcolo delle Uba viene fatto in base all'età e al tipo di animali come riportato sotto:
  • 1 Uba/capo per bovini di oltre due anni e equidi di oltre sei mesi di età;
  • 0,6 Uba/capo per bovini da sei mesi a due anni di età;
  • 0,4 Uba/capo per bovini di meno di sei mesi di età;
  • 0,15 Uba/capo per gli ovini e i caprini.

Le domande di contributo per ciascuno dei bandi devono essere presentate ad Agea tramite il portale Sian entro il 17 maggio 2021.

Per maggiori informazioni e dettagli si rimanda alle pagine ufficiali dei due bandi:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 261.751 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner