Sud, manca ancora l'intesa sul pomodoro da industria

Parti agricole e Anicav ancora lontane sul prezzo, e mentre si tratta interviene Cia Capitanata. Ferrandino: "E' necessario raggiungere un accordo soddisfacente per tutti salvaguardando i valori della filiera"

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

raccolta-meccanizzata-del-pomodoro-da-industria14nov2018anicav.jpg

E' ormai epoca della messa a dimora delle piantine e gli agricoltori di Puglia, Basilicata e Campania hanno bisogno di certezze
Fonte foto: Anicav

Nel Nord Italia, già dallo scorso 24 febbraio è stato raggiunto e sottoscritto l'accordo sul prezzo del pomodoro da industria. Nel distretto del Sud, invece, l'intesa non c'è ancora. La preoccupazione sta aumentando - specie a Foggia, il principale polo produttivo italiano - anche perché proprio in questi giorni si è aperta la delicatissima fase della messa a dimora delle piante che, di fatto, apre la stagione del pomodoro. "Gli imprenditori agricoli si ritrovano ad affrontare un quadro di grande incertezza" afferma Michele Ferrandino, presidente di Cia Capitanata. "Da oltre due mesi, Cia e le altre organizzazioni agricole hanno proposto la sottoscrizione di un accordo che riconosca ai produttori un adeguamento del prezzo, soprattutto alla luce dell'aumento dei costi di produzione" aggiunge Ferrandino. E sottolinea: "Ma la parte industriale finora non ne ha voluto sapere".

Nel 2020, il prezzo corrisposto ai produttori oscillò per il tondo da 85 a 100 euro a tonnellata, per il lungo da 95 a 125 euro a tonnellata. Quest'anno, in virtù di un aumento generalizzato dei costi di produzione, dovuto al rincaro delle materie prime non agricole impiegate per la coltivazione, secondo Cia-Agricoltori italiani della Puglia e la sua declinazione foggiana occorre rivedere quei prezzi, trovando un accordo soddisfacente ed equo. In provincia di Foggia, zona di massima produzione in Italia, la situazione è diversificata rispetto alle rese: si va dagli 800 ai 1.200 quintali raccolti per ogni ettaro.

Nicola Cantatore, direttore di Cia Capitanata, inquadra così l'attuale situazione: "Nei supermercati, le scorte di prodotto sono praticamente esaurite. Sugli scaffali della Gdo i prezzi dei pelati, della salsa e degli altri trasformati sono aumentati. Riteniamo che i margini per un adeguamento in favore dei produttori ci siano tutti, ed è giusto che portino a concordare un prezzo equo e remunerativo per gli agricoltori".
 

Puglia, 14,7 milioni di quintali raccolti nel 2020

In Puglia, con la provincia di Foggia in testa, lo scorso anno furono coltivati a pomodoro 17.170 ettari, per una produzione totale raccolta pari a 14.782.950 quintali. Da sola, la Puglia rappresenta oltre il 70% della superficie coltivata a pomodoro in tutto il Sud e circa il 50% del raccolto di tutto il Mezzogiorno. "Ora è necessario raggiungere un accordo soddisfacente per entrambe le parti, salvaguardando i valori di una filiera che significa investimenti, sudore, lavoro, grande qualità", dichiara Ferrandino.
 

Italia terzo produttore di pomodoro fresco da conserva

I dati Ismea rilevano che l'Italia si conferma quale terzo produttore di pomodoro fresco destinato alle conserve: nel 2020, il 13% della produzione mondiale e il 53% di quella europea è made in Italy. Il fatturato industriale ammonta a 3,5 miliardi di euro, di cui 1,8 provengono dalle esportazioni.

L'Italia resta sempre il primo produttore ed esportatore di derivati del pomodoro destinati direttamente al consumatore finale: il 60% circa delle conserve rosse lavorate in Italia viene esportato. In Italia, la campagna di produzione dell'estate 2020 si è chiusa con un incremento (+8% rispetto al 2019) dei quantitativi conferiti all'industria conserviera nazionale. Nel 2020 sono stati conferiti all'industria circa 5,16 milioni di tonnellate di pomodoro fresco.

"L'obiettivo è raggiungere e sottoscrivere un'intesa, ma in ogni caso anche questa situazione di stallo deve insegnarci qualcosa - spiega Cantatore. "È fondamentale rafforzare il potere contrattuale dei produttori, ed è ciò a cui stiamo continuando a lavorare. Serve unire le forze, sostenere le aggregazioni, puntare sulla ricerca che ottimizzi l'impiego della risorsa idrica e ci dia nuovi strumenti per una produzione sempre più resistente e qualitativa".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Cia Foggia

Autore:

Tag: orticoltura organizzazioni agricole prezzi accordo

Temi caldi: pomodoro da industria

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 261.669 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner