Sardegna: è allerta gelate

Coldiretti segnala la possibilità di danni molto ingenti alla viticoltura e alle colture ortofrutticole, tutte partite in anticipo per le elevate temperature di marzo ed ora coperte dalla brina. Prossimi giorni decisivi per capire come evolverà la situazione

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

gelata-erba-brina-by-matteo-giusti-agronotizie.jpg

Al momento giungono notizie di gelate da tutta l'isola a macchia di leopardo (Foto di archivio)
Fonte foto: © Matteo Giusti - AgroNotizie

Il mondo agricolo della Sardegna è in allarme dopo le gelate che hanno interessato a macchia di leopardo tutto il territorio regionale. La maggiore preoccupazione riguarda i vigneti, ma in pericolo ci sono anche ortaggi e frutta. Il crollo delle temperature sotto lo zero in primavera, infatti, mette a rischio i raccolti dopo un lungo periodo di alte temperature, che hanno favorito il risveglio della vegetazione che è ora più sensibile al grande freddo. È quanto emerge dal monitoraggio della Coldiretti Sardegna sugli effetti del maltempo sulle coltivazioni agricole.

Le piante durante il riposo invernale - sottolinea la Coldiretti - sono in grado di sopportare temperature inferiori allo zero, anche di decine di gradi, ma diventano particolarmente sensibili, una volta risvegliate, in fase di fioritura o dopo aver emesso le nuove foglioline.

Discorso che vale sia per la frutta estiva che per gli ortaggi a ciclo primaverile-estivo, che nell'agricoltura dell'Italia centromeridionale vengono messi a dimora dopo il 19 marzo, una data rituale oltre la quale, secondo osservazioni tradizionali consolidate, non avvengono più gelate. Una convenzione in anni recenti sempre più spesso non rispettata dalle reali condizioni meteo. Pertanto, il brusco abbassamento delle temperature dei giorni scorsi rischia di compromettere la produzione di ortaggi e frutta.

Fuori dal riposo invernale e, pertanto, più sensibile al gelo, anche la vite. E proprio per i vignaioli sono ore di paura dopo le scottanti perdite dovute alle gelate dell'aprile 2017. Le prossime ore saranno decisive per capire il livello del danno.

"Siamo di fronte alle conseguenze dei cambiamenti climatici - afferma il presidente di Coldiretti Sardegna, Battista Cualbu - con una tendenza alla tropicalizzazione e il moltiplicarsi di eventi estremi con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo".

Cambiamenti climatici che hanno fatto perdere all'agricoltura italiana - secondo Coldiretti - oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra cali della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne con allagamenti, frane e smottamenti.

L'agricoltura sarda, purtroppo, non è stata esente da questo fenomeno che l'ha interessata direttamente negli ultimi mesi, con diversi eventi estremi, spesso anche nella stessa stagione: alluvioni, con l'episodio di Bitti in primo piano lo scorso novembre, la siccità del 2017, grandinate, gelate fuori stagione, temperature altissime, e il vento.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Coldiretti Sardegna

Autore:

Tag: ortofrutta viticoltura maltempo danni gelate

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.105 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner