Italia, urgente realizzare catasto e piano agrumicolo

Lo ha ricordato la presidente del Distretto produttivo agrumi Sicilia, Federica Argentati, ai microfoni di Rai Radio 1, da dove ha lanciato un appello al neoministro delle Politiche agricole Patuanelli. Per programmare prima bisogna conoscere

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

arance-rosse-arancia-by-m-studio-adobe-stock-750x500.jpeg

Fondamentale per il rilancio dell'agrumicoltura la programmazione degli interventi e la valorizzazione delle produzioni Dop, Igp e bio (Foto d'archivio)
Fonte foto: © M.studio - Adobe Stock

"L'Italia ha bisogno urgente del catasto agrumicolo nazionale: senza questo strumento e del relativo Piano non possiamo programmare la commercializzazione, soprattutto sui mercati esteri, delle nostre eccellenze: a cominciare dalle Dop e Igp di Sicilia, Campania, Calabria e Puglia". Lo ha detto il 23 febbraio scorso ai microfoni di Rai Radio 1, durante la trasmissione Sportello Italia, Federica Argentati, presidente del Distretto produttivo agrumi di Sicilia, la quale ha rivolto un vero e proprio appello al nuovo ministro delle Politiche agricole, Stefano Patuanelli, perché attenzioni la filiera agrumicola italiana e le sue eccellenze.

La Argentati - da dieci anni alla guida del Distretto agrumi di Sicilia, macrosistema che riunisce l'intera filiera della maggiore regione agrumetata d'Italia (60% della produzione italiana) - partendo dall'esperienza positiva della Sicilia, che è riuscita ad aggregare l'intera filiera, ha posto l'accento sull'importanza di valorizzare sui mercati italiani ed esteri le produzioni Dop, Igp e bio degli agrumi italiani, colture diffuse nel Sud Italia.

"Serve programmazione - ha spiegato la Argentati ai microfoni di Rai Radio 1 - per lavorare come sistema Italia e diventare competitivi all'estero. Dobbiamo conoscere cosa e quanto abbiamo. In Sicilia, ad esempio, territorio che per forza di cose conosco meglio, il catasto agrumicolo andrebbe rinnovato perché negli ultimi dieci anni ci sono stati molti cambiamenti: da un lato l'abbandono per mancato reddito o per danni legati al virus tristeza; dall'altro molti reimpianti grazie alle misure per contrastare il parassita".

"Per questo mi appello al ministro Patuanelli - ha aggiunto la Argentati - perché presti attenzione all'agrumicoltura, comparto che solo in Sicilia impiega circa 32mila lavoratori e che, con le sue produzioni Dop, Igp e bio rappresenta una delle eccellenze della biodiversità in Italia la cui tracciabilità di filiera è garanzia di qualità e genuinità per il consumatore e premia l'impegno etico dei produttori i quali, per ottenere il bollino dei consorzi di tutela, devono superare rigorosi sistemi di controllo".

Le richieste della presidente Argentati sono il frutto anche della più recente esperienza del Distretto produttivo agrumi, culminata nella approvazione del nuovo Patto di sviluppo del Distretto - "documento programmatico triennale, che evidenzia le azioni che il distretto propone di attuare per lo sviluppo della propria realtà produttiva", che è stato condiviso e sottoscritto da 53 imprese della filiera agrumicola siciliana - singole e associate, Op, Consorzi di tutela Dop e Igp, ed altri soggetti - che hanno aderito al Distretto in qualità di soci del Consorzio di distretto, e da 32 enti (enti locali e territoriali, istituzioni pubbliche, enti di ricerca, rappresentanze agricole) in qualità di partner del Distretto.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 258.672 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner