Xylella, a rischio 32,6 milioni per le indennità compensative

Sono i soldi a disposizione delle aziende salentine danneggiate nell'annata 2016 e che vanno spesi entro il 2020, ma i comuni pugliesi coinvolti nella validazione dei documenti sono troppo lenti nel dare l'ok

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

olivo-oliveto-by-enrico-rovelli-fotolia-750.jpeg

Coldiretti Puglia allarmata dalla prospettiva ha sollecitato l'assessore Pentassuglia e il presidente di Anci Puglia Vitto
Fonte foto: © Enrico Rovelli - Fotolia

Bisogna accelerare la spesa dei 32,6 milioni di euro riservati alle aziende olivicole della zona infetta da Xylella fastidiosa che hanno presentato istanza documentata di aiuto compensativo per il 2016, anno nel quale hanno già accusato una diminuzione del raccolto di olive maggiore del 30% a causa dalla batteriosi. Questo perché l'ingente cifra deve essere liquidata obbligatoriamente entro il 31 dicembre 2020, ma pare che a bloccare l'iter dei pagamenti siano i municipi pugliesi coinvolti nella conta dei danni e nelle procedure accertative dei requisiti di base delle aziende per poter essere considerate beneficiarie dell'aiuto.

E pertanto "Serve una forte accelerata all'iter amministrativo dei 120 comuni interessati delle province di Lecce, Brindisi e Tarantochiede Coldiretti Puglia, in una lettera inviata all'assessore regionale alle Risorse agroalimentari, Donato Pentassuglia, ed al presidente di Anci Puglia, Domenico Vitto, affinché sollecitino i sindaci a verificare con estrema urgenza elementi quali il Documento unico di regolarità contributiva, l'anagrafica tributaria e la certificazione antimafia delle aziende agricole ricadenti nell'area delimitata a cui è stato riconosciuto lo stato di calamità, per non perdere "risorse vitali per la stessa sopravvivenza del tessuto agricolo del Salento" sottolinea Coldiretti Puglia.

"Il Decreto attuativo relativo alle indennità compensative contemplava le annualità 2017, 2018 e 2019, ma il provvedimento - dopo ampio pressing di Coldiretti Puglia - ha ricompreso anche l'annualità 2016, per cui è possibile utilizzare il regime di esenzione del 2015, con una dotazione finanziaria di 32,6 milioni di euro, utilizzando parte delle risorse del Piano per le calamità e destinandole agli interventi compensativi. Ma serve fare in fretta, perché le risorse vanno spese entro il 31 dicembre 2020, sennò andranno perse", denuncia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Per l'erogazione dei 120 milioni di euro del Piano per le indennità compensative, la Regione Puglia ha inviato al ministero delle Politiche agricole la richiesta di declaratoria di calamità naturale - spiega Coldiretti Puglia - con l'accelerata impressa dal ministro che sta consentendo la piena attuazione del Piano per la rigenerazione olivicola nell'area infetta da Xylella fastidiosa in Salento con l'approvazione degli strumenti per il ristoro della calamità.

Pertanto, è indispensabile e urgente che i 120 comuni interessati delle province di Lecce, Brindisi e Taranto - insiste Coldiretti Puglia - considerato che le istruttorie sono state completate, procedano senza indugio alle verifiche di Durc, anagrafica tributaria e certificazione antimafia delle aziende ricadenti dell'area delimitata per cui è stato riconosciuto lo stato di calamità.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: olivicoltura aiuti diretti Xylella fastidiosa

Temi caldi: Emergenza Xylella fastidiosa Decreto emergenze

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 250.832 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner