Cambiamenti climatici e vitivinicoltura, partecipa al sondaggio Medcliv

L'indagine si rivolge ai coltivatori di uva e alle cantine. I risultati aiuteranno la ricerca nel definire scenari e azioni strategiche per limitare gli impatti dei cambiamenti climatici

medcliv.png

Partecipare al sondaggio aiuterà a definire scenari e azioni strategiche per limitare gli impatti dei cambiamenti climatici sul settore vitivinicolo

Esplorare lo stato attuale del settore vitivinicolo nel Mediterraneo e identificare le principali problematiche del comparto, in relazione ad un clima in continua evoluzione. E' questo l'obiettivo del sondaggio indetto nell'ambito del progetto europeo Medcliv, Mediterranean climate vine & wine ecosystem.

L'indagine si rivolge ai coltivatori di uva e alle cantine di sei regioni europee del bacino del Mediterraneo: i risultati saranno un aiuto importante per la definizione di scenari e azioni strategiche con lo scopo di limitare gli impatti dei cambiamenti climatici.

Partecipa al sondaggio Medcliv
 

Il progetto Medcliv

Il progetto, finanziato dalla Eit Climate-Kic, si propone di supportare la filiera vitivinicola mediterranea nell'affrontare al meglio i cambiamenti climatici in atto, dal campo alla cantina, senza trascurare gli aspetti del forte legame col territorio.

Medcliv, che coinvolge Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Cipro e Slovenia, ha lo scopo di istituire delle piattaforme nazionali che affrontino problematiche specifiche legate al settore vitivinicolo e al cambiamento climatico, promuovendo la diffusione e l'adozione di soluzioni e tecnologie climate smart nella filiera produttiva.

L'approccio del progetto è di tipo interdisciplinare, impostato sull'organizzazione di Living Labs, ovvero laboratori "viventi" interattivi, su base nazionale, che vedranno come protagonisti i diversi attori della filiera.
Aziende viticole, cantine, enti di ricerca, amministrazioni locali, e in generale tutti i portatori di interesse, saranno chiamati a partecipare, portando il loro contributo in termini di esperienza e conoscenza e, allo stesso tempo, avranno l'occasione per confrontarsi ed esporre le proprie criticità.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 244.701 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner