Toscana, ultimi giorni per gli aiuti straordinari ai produttori di pecorino Dop

A disposizione 300mila euro per contributi alla stagionatura dei formaggi non venduti a causa dell'emergenza Covid-19. Scadenza il 25 settembre 2020, all'interno il link al bando

pecorino-formaggi-formaggio-by-stefano-neri-fotolia-750.jpeg

Pecorini Dop, in Toscana contributi per la stagionatura dei prodotti invenduti per l'emergenza Covid-19 (Foto di archivio)
Fonte foto: © Stefano Neri - Fotolia

Sarà aperto fino al 25 settmebre 2020 il bando per gli aiuti straordinari ai produttori di pecorino Dop che abbiano subito un calo delle vendite del formaggio fresco a causa dell'emergenza Covid-19 e abbiano dovuto avviare alla stagionatura una maggior quantità di prodotto con un aumento dei costi.

Per questi aiuti la Toscana ha messo a disposizione un totale di 300mila euro destinati alle aziende che producono pecorino a Denominazione di origine protetta.

Possono infatti fare richiesta come beneficiari i produttori di Pecorino toscano Dop e di Pecorino delle balze volterrane Dop che abbiano almeno una sede di produzione in Toscana e che siano ancora in attività al momento della richiesta.

L'aiuto consiste in un contributo di 0,30 euro per ogni chilogrammo di formaggio in più avviato alla stagionatura nel periodo marzo aprile e maggio 2020 rispetto alla quantità di formaggio che è stata stagionata nel 2019.

Gli aiuti non potranno superare il tetto massimo di 100 euro ad azienda anche e soprattutto in caso di cumulo con altri aiuti straordinari per l'emergenza Covid-19 come stabilito dall'art. 54 del decreto legge 34 del 19 maggio 2020.

Non sono previste priorità nell'assegnazione degli aiuti, ma nel caso in cui le richieste siano superiori alla disponibilità stanziata, i contributi verranno ridotti per cercare di soddisfare tutte le domande arrivate.

Le domande devono esser inviate tramite Artea entro le ore 13:00 del 25 settembre 2020.
Per maggiori informazioni e dettagli si rimanda alla pagina ufficiale e al testo completo del bando.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 243.435 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner