Accesso al credito, più di 13mila imprese finanziate con oltre 250 milioni di euro

Le aziende hanno potuto beneficiare della garanzia Ismea in due soli mesi. La ministra Bellanova: "Rispondere con rapidità significa salvare aziende e occupazione"

soldi-banconote-arrotolate-euro-by-jeanluc-fotolia-750.jpeg

Bellanova: 'Su 350 milioni disponibili, restano ancora 100 milioni di euro da utilizzare'
Fonte foto: © JeanLuc - Fotolia

Sono 13.163 le imprese agricole e della pesca che, in soli due mesi, hanno potuto beneficiare della garanzia Ismea per accedere ai 25mila euro di credito bancario, per un importo complessivo di 251 milioni di euro impegnati.
 
"Dare risposte immediate a un settore strategico per il paese, e consentire alle imprese quella liquidità necessaria a mantenere il posizionamento di mercato e a garantire i livelli occupazionali". Queste le parole della ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova sottolineando la consapevolezza dell'enorme posta in gioco.
 
La misura si inserisce infatti nel quadro degli interventi emergenziali adottati dal Governo per assicurare liquidità alle imprese agricole e della pesca in crisi finanziaria a causa del Covid-19.
 
Il decreto legge Liquidità aveva previsto un primo stanziamento di 100 milioni di euro per il fondo di garanzia Ismea, che con il decreto legge Rilancio è stato potenziato con ulteriori 250 milioni di euro, per complessivi 350milioni.
 

Leggi anche:
Decreto Rilancio: dialogo diretto ministra Bellanova e mondo agricolo


La maggior parte delle richieste di garanzia ha riguardato il settore dell'agriturismo e i settori florovivaistico, ortofrutticolo e vitivinicolo; ma anche zootecnia e pesca hanno potuto beneficiare delle misure di liquidità.
 
Come si nota dalle tabelle riassuntive, il 55% delle imprese beneficiarie sono concentrate nelle prime cinque regioni (Emilia Romagna, Piemonte, Toscana, Puglia e Lombardia).
 

Tabella garanzie per regione - Mipaaf
(Fonte: Mipaaf)

 
"Valuterei con attenzione", prosegue Bellanova, "anche la geografia delle imprese beneficiarie, perché restituisce uno spaccato molto interessante, da Nord a Sud, sulla composizione del settore. Soprattutto ci conferma sulla vitalità e determinazione di agricoltura, pesca, filiera alimentare. Anche in questo momento così difficile, le aziende non arretrano e, anzi, con caparbietà e determinazione costruiscono piani di investimento e programmi di futuro. Su 350 milioni disponibili, restano ancora altri 100 milioni di euro da utilizzare che, grazie al lavoro di Ismea, consentiranno ad altre 5mila imprese di avere accesso al credito bancario".
 

Leggi anche:
Il decreto imprese vale 400 miliardi

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.741 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner