Mercato ortofrutticolo europeo: previsioni di primavera

Tiene la domanda interna di frutta e verdura, aumentano però i costi di produzione e le difficoltà di approvvigionamento

Alessio Pisanò di Alessio Pisanò

mele-mela-by-alik-mulikov-adobe-stock-750x500.jpeg

Cala la produzione di mele, ma ne aumenta la domanda (Foto di archivio)
Fonte foto: © Alik Mulikov - Adobe Stock

Tiene la domanda interna di frutta e verdura, ma aumentano i costi di produzione e le difficoltà di approvvigionamento. Lo rivelano le previsioni Ue di primavera sulla produzione europea di frutta e verdura. Il caso delle mele e delle arance mostra come la produzione made in Europe sia ormai assorbita dalla domanda dei cittadini europei e come l'import e l'export da fuori Europa siano crollati. Stesso trend per lo zucchero, con un terzo in meno nelle esportazioni.


La produzione europea

Freshfel Europe, l'associazione europea dei produttori di frutta e verdura, ricorda come in Europa si producono ogni anno circa 80 milioni di tonnellate di frutta e verdura destinate al mercato, di cui oltre 30 milioni al commercio intraeuropeo e 5 milioni per l'esportazione. La maggior parte della produzione, circa 55 milioni di tonnellate, viene consumata negli Stati membri in cui viene coltivata, dove viene ritenuta elemento chiave per una buona alimentazione.


Minacce alla catena produttiva

Sempre Freshfel Europe mette in guardia nei confronti delle ricadute dell'epidemia del coronavirus sul settore. In particolare sui rischi e la carenza di manodopera nelle campagne europee, blocchi e difficoltà lungo la catena di approvvigionamento, crollo della domanda del settore della ristorazione e aumento dei costi sia di produzione che di commercio.


Cala la produzione di mele, ma ne aumenta la domanda

Le previsioni sull'andamento del mercato agricolo europeo di primavera - Short term outlook - della Commissione europea mostrano che la domanda di frutta, soprattutto mele e arance, rimane forte ma mostra anche che potrebbero esserci problemi nella loro fornitura. In particolare, a fronte di un ipotizzabile calo nell'Ue della produzione mele (-10%, 10,8 milioni di tonnellate), la domanda dovrebbe aumentare del 9% rispetto alla media europea. A favorire questa crescita, incide senza dubbio la riduzione delle importazioni di frutti tropicali, a causa delle limitazioni del trasporto aereo di merci causate dalla crisi di Covid-19.

Grafico: Produzione e consumi di mele
Clicca sull'immagine per ingrandirla


Mele, cala l'export

Durante i sei mesi a cavallo tra 2019 e 2020, le esportazioni dell'Unione europea di mele fresche sono state superiori del 5% rispetto allo stesso periodo del 2018-2019, anno di raccolta record. Ma a causa della stretta ai trasporti dovuti al coronavirus, questo trend non continuerà: si prevede, infatti, che le esportazioni diminuiranno entro la fine della campagna (-34% rispetto alla media degli ultimi cinque anni) anche a causa dell'aumento della domanda in Europa, della produzione inferiore e delle difficoltà dovute al coronavirus a raggiungere alcuni mercati, come ad esempio l'India.

Grafico: Export di mele
Clicca sull'immagine per ingrandirla


Leggera diminuzione nella produzione di arance

Per quanto riguarda le arance, il coronavirus avrà un impatto limitato sull'offerta dell'Unione europea nella stagione 2019-2020, anche se si prevede che la produzione di arance raggiungerà i 6,2 milioni di tonnellate, ovvero il 5% in meno rispetto ad un anno fa a causa dei rendimenti più bassi. Le ultime settimane hanno comunque visto una domanda crescente a livello globale e in Europa, poiché le arance sono considerate un alimento che fa bene alla salute.

Grafico: Produzione di arance
Clicca sull'immagine per ingrandirla


Import ed export extraeuropei si contraggono

Le esportazioni Ue di arance sono diminuite in modo significativo a marzo 2020 (-13% su base annua), soprattutto a causa delle minori esportazioni verso la Cina. Le esportazioni tra ottobre e marzo rimangono però vicine al livello dell'anno precedente, quindi i volumi delle esportazioni potrebbero riprendersi presto.

La riduzione dell'offerta dell'Ue, unita alla forte domanda interna e ai possibili problemi logistici, potrebbe tuttavia portare a un calo di circa il 5% delle esportazioni di arance fresche e trasformate (succhi di frutta). Mentre, le importazioni dell'Ue di arance fresche alla fine di marzo 2019-2020 sono circa il 20% inferiori rispetto ad un anno fa.

Grafico: Mercato delle arance
Clicca sull'immagine per ingrandirla


Numeri al ribasso per lo zucchero

Quest'anno la produzione di zucchero nell'Unione europea è stimata in 17,4 milioni di tonnellate, con un calo dell'1,5% rispetto ad un anno fa. Si prevedono esportazioni di circa 1,1 milioni di tonnellate, con una diminuzione di addirittura il 32%, mentre le importazioni dovrebbero toccare i 2 milioni di tonnellate, leggermente al di sopra rispetto all'anno precedente. Nel complesso, le previsioni del commercio mondiale di zucchero non sono troppo "dolci": a causa del coronavirus, un rallentamento è molto più che probabile.

Stesso discorso anche per il consumo di zucchero, visto che il prodotto è rimasto inutilizzato in varie attività di ristorazione a causa della quarantena, nonostante comunque un lieve aumento dello zucchero venduto attraverso i canali al dettaglio.

Grafico: Prezzi dello zucchero
Clicca sull'immagine per ingrandirla

Grafico: Zucchero
Clicca sull'immagine per ingrandirla
 
In collaborazione con Andrea Bonso

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 232.057 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner