Psr Sicilia, 60 milioni in più per mantenere il biologico

La Regione Siciliana offre a chi ha già partecipato al bando nel 2015 la proroga degli impegni sul 2020-2021, al fine di continuare a coltivare 130mila ettari di suolo agricolo in bio

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

banconote-soldi-euro-by-wolfilser-fotolia-750.jpeg

In arrivo anche un contributo straordinario di 200mila euro per la Biofabbrica di Ramacca
Fonte foto: © Wolfilser - Fotolia

Spunta la proroga biennale degli impegni oltre il quinquennio previsto dal bando 2015 “Agricoltura biologica” del Programma di sviluppo rurale 2015-2020 della Regione Siciliana, al fine di mantenere nel territorio siciliano un’elevata superficie di coltivazione biologica, considerata strategica per la tutela dell’ambiente e la salute dei consumatori. Una partita da 60 milioni di euro nel 2020-2021

A darne notizia è l’assessore per l’Agricoltura della Regione Siciliana, Edy Bandiera: “Attraverso questo prolungamento riusciamo a dare copertura, per i prossimi due anni, al mantenimento di buona parte delle superfici biologiche siciliane, pari a 130 mila ettari. Stiamo parlando di un importo di spesa che, nel quinquennio appena passato, è valso 160 milioni di euro, il che significa che per i prossimi due anni riusciamo ad assegnare alle aziende agricole siciliane una somma pari a 60 milioni di euro ad intero beneficio dell’agricoltura biologica siciliana”.

Il prolungamento di due anni della durata degli impegni, oltre il quinquennio previsto dal bando 2015, riguarda la misura 11 del Psr Sicilia 2014-2020 “Agricoltura biologica” Operazione 11.2.1 “Pagamenti per il mantenimento dell'agricoltura biologica”, volta ad incentivare la conservazione della biodiversità a livello di agroecosistema, la conservazione dei paesaggi, la riduzione dell’inquinamento delle risorse idriche, dell’erosione e della perdita di fertilità dei suoli, contribuendo inoltre alla riduzione dell’emissione dei gas serra. Il quinquennio prorogato scadrebbe altrimenti nel 2020 per le domande annuali di pagamento presentate nel 2019.

La proroga è rivolta a coloro i quali hanno già beneficiato degli aiuti con il bando 2015, fermo restando che l’adesione al prolungamento per due anni è facoltativa e pertanto occorrerà presentare apposita domanda di adesione per l’annualità 2020.

Alla proroga biennale per il biologico si accompagna uno stanziamento straordinario, pari a 200mila euro per la Biofabbrica di Ramacca, un opificio dell’Ente di sviluppo agricolo della Regione Siciliana, in cui si allevano insetti utili, antagonisti di quelli dannosi alle coltivazioni agricole, da liberare in idonee quantità nelle aziende agricole che adottano tecniche di lotta biologica od integrata.

“Si tratta di una struttura che, se supportata, può divenire strategica nelle politiche di attuazione della lotta biologica, una delle 26 biofabbriche europee, peraltro la più importante del Mediterraneo che produce, in termini massali, il maggior numero di insetti base – afferma l’assessore per l’Agricoltura Edy Bandiera – La Biofabbrica, così, sarà nelle condizioni di sviluppare nuovi protocolli per fronteggiare, con metodi naturali, vecchie e nuove emergenze entomologiche parassitarie, come quella del cimiciato del nocciolo che sta creando problemi produttivi e qualitativi alle produzioni corilicole dei Nebrodi”.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Regione Siciliana

Autore:

Tag: biologico aiuti diretti politica agricola bandi Psr politiche regionali

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 239.268 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner