Guardiamo il bicchiere mezzo pieno (che è meglio)

Nel periodo coronavirus le abitudini alimentari si sono modificate. E vi potrebbe essere un'eredità positiva

Duccio Caccioni di Duccio Caccioni

cibo-verdure-tagliere-frutta-mela-carote-fonte-free-photos-via-pixabay.jpg

Come si modificheranno i consumi alimentari?
Fonte foto: © Free-Photos - via Pixabay

Prima o poi ci stancheremo di parlare di coronavirus. Intanto, nella valle di lacrime, proviamo a vedere il bicchiere mezzo pieno. Ovvero quale può essere l'eredità positiva che ci lascia questa brutta esperienza. Perché di sicuro qualche cosa cambierà: la storia dimostra che queste esperienze lasciano un'impronta nella coscienza collettiva – quindi anche nella nostra maniera di vivere, ovvero di consumare.

E qui veniamo ai nostri temi: come si modificheranno i consumi alimentari?
Di certo abbiamo visto come molte persone (ovviamente) hanno modificato il modo di fare la spesa e dedicato molto più tempo alla cucina. E questo ha comportato un radicale cambiamento del mercato alimentare. I consumatori si sono rivolti alla distribuzione di vicinato, dai piccoli supermercati ai negozi tradizionali e specializzati. Le consegne a domicilio, effettuate dalle grandi catene (tempi di attesa di una spesa anche 20 giorni in alcune aree del paese) come dal fruttivendolo sotto casa si sono moltiplicate. In questo caso il Covid-19 non ha fatto che accelerare dei processi che erano già chiari e avviati: in Italia e in Ue la popolazione invecchia, aumenta la popolazione "time poor/money rich" (poco tempo e molta moneta), in genere i consumatori sono meno disponibili a visitare le iper-superfici di vendita che, oramai, han fatto il loro tempo.

Per la cucina il processo non era invece per niente delineato - e forse qualche cosa di questo periodo rimarrà nelle abitudini. In questi mesi la gente è tornata a cucinare impiegando più alimenti di base e freschi. Per esempio è aumentato il consumo di frutta e verdura da preparare: secondo i dati Nielsen si è registrato un incremento delle vendite del +18,2% in marzo. Una particolare attenzione è stata riposta anche alle caratteristiche qualitative: i prodotti ortofrutticoli bio hanno avuto, sempre in marzo,  un balzo del +24,8% (fonte: AssoBio/Nielsen). Notevole anche l'interesse verso i prodotti nazionali e locali - chi è del settore stima perlomeno un +25%. Bene anche prodotti Dop/Igp etc. Insomma la gente ha ricercato prodotti da trasformare a casa, magari freschi, di prevalente buona qualità e provenienza nazionale e locale.

Insomma: guardiamo il bicchiere mezzo pieno. Che è meglio.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: agroalimentare ortofrutta filiera marchi di tutela

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 239.473 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner