Una serra completamente autosufficiente? Ora c'è

Da prototipo a realtà. Il sistema inventato dalla startup siciliana Saba Technology si chiama 'Easy Drop' ed è in grado di condensare dall'atmosfera acqua a sufficienza per irrigare una serra di 600 metri quadrati

Barbara Righini di Barbara Righini

serra-prototipo-easy-drop-novelfarm-mar-2020-articolo-barbara-righini-fonte-saba-technology.jpg

La serra prototipo con il sistema Easy Drop
Fonte foto: Saba Technology

Trecento litri d'acqua generati al giorno per rendere autonoma una serra tradizionale, coltivata a orticole. La serra completamente autosufficiente, sia dal punto di vista energetico sia per quanto riguarda l'irrigazione esiste e a brevissimo passerà da prototipo a realtà.

Il sistema inventato dalla startup siciliana Saba Technology si chiama 'Easy Drop' ed è in grado di condensare dall'atmosfera acqua a sufficienza per irrigare una serra di 600 metri quadrati.

All'ultima edizione di NovelFarm, la fiera che si è tenuta a Pordenone, il 19 e 20 febbraio scorsi, Salvatore Bascio, project manager dell'azienda, ha raccontato nel dettaglio la novità. "Per rendere completamente autosufficiente una serra mancava solo la componente acqua e ora c'è. L'importante è che l'umidità relativa dell'aria arrivi almeno al 30%", ha raccontato Bascio alla platea del convegno. "Se consideriamo che - ha detto ancora Bascio - il 60% del territorio mondiale affronta problemi di disponibilità di acqua, è chiaro che produrre acqua dall'atmosfera cambia la prospettiva. Il nostro sistema - ha aggiunto - non solo produce acqua ma la sanifica".

La serra prototipo è alimentata da pannelli solari e quindi completamente autosufficiente. Non solo acqua dall'atmosfera: Saba Technology ha pensato anche alla purezza dell'aria introdotta. "Un'altra nostra tecnologia, applicata alla serra, permette di sanificare e de-batterizzare l'aria che arriva dall'esterno. Niente più inquinanti, batteri e virus. Il passo successivo al quale stiamo lavorando con l'Università di Palermo - ha continuato Bascio - e che è in fase di test, è aggiungere al sistema sensori in modo che l'acqua utilizzata per irrigare sia addizionata dei nutrienti necessari alle piante coltivate. Abbiamo già fatto delle prove e abbiamo visto che le piante crescono più in fretta e risultano più cariche di colore, ma siamo solo all'inizio, i dati li avremo nei prossimi mesi".

La startup siciliana è giovanissima ma ha già suscitato l'interesse di investitori, soprattutto in Medio Oriente, il sistema infatti è particolarmente adatto ad ambienti proibitivi.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: innovazione video acqua tecnologia serre startup

Temi caldi: NovelFarm 2020

Rubrica: AgroInnovAzione

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 222.335 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner