Fruit Logistica: punto d'incontro per l'ortofrutta

Si è conclusa con 72mila visitatori e più di 3.300 espositori l'edizione 2020, all'insegna di innovazione e nuove opportunità per il settore

fruit-logistica-2020-fonte-fruit-logistica.jpg

L'edizione 2020 di Fruit Logistica si è tenuta a Berlino dal 5 al 7 febbraio scorsi

Fruit Logistica si è confermata punto d'incontro del settore ortofrutticolo anche quest'anno, nonostante l'epidemia di coronavirus in Cina. Dal 5 al 7 febbraio scorsi si sono infatti riuniti a Berlino oltre 3.300 espositori e più di 72mila visitatori specializzati provenienti da tutto il mondo in occasione della kermesse, cifre importanti, anche se in calo rispetto ai 78mila visitatori dell'edizione precedente, ad influire probabilmente la minaccia del virus.

Le restrizioni di viaggio per i visitatori e gli espositori provenienti dalla Cina, unite alle comprensibili preoccupazioni di chi intendeva partecipare, hanno certamente rallentato la recente crescita della fiera. Ma secondo Madlen Miserius, senior product manager di Fruit Logistica, la comunicazione chiara nei giorni precedenti la fiera e le misure di sicurezza aggiuntive in loco hanno fortemente contribuito ad aumentare la fiducia.
 

Stretti nuovi accordi commerciali

"La qualità dei visitatori professionali è stata elevata, e sappiamo dal feedback dei nostri espositori che qui nei padiglioni di Fruit Logistica sono stati compiuti tantissimi nuovi affari. Non vediamo l'ora di dare il benvenuto a quegli amici che questa volta non hanno potuto essere con noi alla nostra prossima fiera" ha commentato Miserius.

Circa l'85% degli espositori in fiera non arrivava dalla Germania, e sono sempre più le aziende che hanno stabilito nuovi contatti e partnership di fornitura grazie alla partecipazione alla kermesse internazionale. Oltre il 95% dei visitatori professionali intervistati ha valutato positivamente il successo commerciale complessivo di Fruit Logistica 2020, a conferma dell'importanza della manifestazione.
 

Bellanova: "La sicurezza alimentare non si tocca"

All'inaugurazione della collettiva "Italy – the Beauty of Quality" nello spazio Ice-Cso ha partecipato anche la ministra Teresa Bellanova che ha dichiarato: "La sicurezza alimentare non si tocca e non è merce di scambio per nessun accordo commerciale. È un diritto inalienabile dei cittadini. L'Italia vuole mercati aperti con regole certe. I dazi non sono lo strumento del futuro delle relazioni mondiali e quando gli Stati Uniti alzano i dazi sui prodotti della dieta mediterranea non fanno un danno solo ai nostri produttori, ma danneggiano i loro consumatori privandoli di un'alimentazione sana e garantita".

"Noi crediamo nell'Europa - ha aggiunto la ministra -. È la nostra casa. È anche il nostro mercato. Dobbiamo renderla più forte, più semplice, più efficiente. Siamo il paese che riceve più fondi europei Ocm con quelle risorse abbiamo fatto molto per innovare e ammodernare il settore. Ora dobbiamo proseguire e do la massima disponibilità per ragionare insieme anche in ottica di riforma della Pac. Diciamo quello che ho già detto a Bruxelles: l'agricoltura non deve subire tagli".

Per quanto riguarda l'export ha spiegato Bellanova: "Abbiamo avviato un lavoro comune con il presidente dell'Ice per studiare insieme azioni di sistema per la promozione del made in Italy agroalimentare, così come stiamo lavorando a testa bassa per aprire nuovi mercati, rimuovendo le barriere che ci sono. Non è un lavoro facile, soprattutto non è un lavoro rapido come vorremmo. Spingeremo su tutti i dossier al massimo: dal kiwi alle mele, alle pere e a tutti i prodotti a cui possiamo garantire nuovi spazi. In mercati di grande potenziale come Messico, Colombia, Vietnam e la stessa Cina, nonostante questa fase difficile".
 

Yoom vince il Flia 2020

E' Yoom, il pomodoro cocktail viola di Syngenta, ad essersi aggiudicato il Fruit Logistica innovation award 2020. Sviluppato grazie a un costante lavoro di ricerca & sviluppo, finalizzato alla soddisfazione dei gusti dei consumatori più moderni, Yoom è attualmente disponibile in Australia, Belgio, Danimarca, Francia, Grecia e Spagna e presto sarà distribuito anche in Austria, Canada, Germania, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti. Le produzioni sono in costante crescita e presto saranno raggiunti nuovi mercati.
Caratterizzato da un intenso colore viola, croccantezza e succosità, Yoom™ è ricco in antociani ha un elevato contenuto di vitamine e minerali e il suo gusto, bilanciato tra acidità e grado zuccherino, è esaltato dal sapore esotico di umami.

"Syngenta fornisce da sempre nuovi stimoli al settore ortofrutticolo. Yoom è la risposta più completa alle esigenze della filiera in termini di affidabilità, consistenza e capacità di raggiungere il punto vendita in perfette condizioni, come appena raccolto. Dal punto di vista agronomico, infatti, Yoom offre eccellenti performance in termini di resa e di shelf life. Tali caratteristiche, sommate all'elevato valore della sua genetica, rendono questo innovativo pomodoro vocato ai moderni sistemi di coltivazione protetta, permettendo all'agricoltore di differenziare la propria offerta e di proporre ai buyer della distribuzione un prodotto altamente innovativo e distintivo" ha dichiarato Massimo Perboni, Food value chain lead vegetable seeds di Syngenta Italia.
 

Da Unaproa proposte per una IV gamma moderna e sostenibile

I consumi cambiano e l'ortofrutta occupa uno spazio sempre più importante nei volumi di acquisto dei consumatori, grazie a maggiori opportunità di utilizzo di prodotti pronti al consumo e a referenze innovative. I prodotti che si aspettano di trovare sono sani e rispettosi dell'ambiente e di questo si è parlato al convegno convengo organizzato da Unaproa intitolato "Prospettive evolutive della quarta gamma nell'Ocm ortofrutta".

Verso il rispetto ambientale e la sostenibilità si muovono i comparti della I gamma evoluta e della IV gamma, come ha spiegato Felice Poli, legale rappresentante di Unaproa: "Utilizzando tecniche all'avanguardia che preservano la naturalità e la salubrità dei vegetali, dal campo agli stabilimenti, con l'impiego di personale altamente specializzato e l'utilizzo di processi di efficientamento per ridurre i consumi idrici ed energetici. Un'attenzione particolare è rivolta all'introduzione di imballaggi eco-friendly, anche con l'impiego di materiali compostabili e biodegradabili".
Unaproa ha inoltre elaborato un documento di proposte, afferenti l'Ocm ortofrutta, che hanno riguardato alcune tematiche specifiche, quali l'attuazione dei Programmi operativi e i parametri nazionali per il riconoscimento delle Op.


Cso a Fruit Logistica 2020 con "Made in nature"

Soddisfazione per la partecipazione alla manifestazione da parte del Cso. Bianca Bonifacio, responsabile fiere e internazionalizzazione di Cso Italy ha dichiarato: "La fiera è andata sorprendentemente bene. Nonostante la crisi cinese non abbiamo notato alcuna differenza rispetto agli anni precedenti, e Messe Berlin ha fatto di tutto per farci sentire al sicuro. Abbiamo ricevuto la visita di molti visitatori e siamo molto soddisfatti. Partecipiamo a molte fiere, ma Fruit Logistica per noi la fiera più grande e di maggiore importanza".

A Berlino sono stati presentati gli obiettivi di "Made in nature". Si è conclusa infatti la prima fase del progetto triennale per la promozione dei prodotti ortofrutticoli bio italiani sui mercati di riferimento di Italia, Francia e Germania, gestito da Cso Italy e che coinvolge player come Canova-Almaverde Bio, Brio-Alce Nero, Lagnasco Group, Veritas Biofrutta-VeryBio e RK Growers e Conserve Italia.
"Il progetto ha l'obiettivo principale di dare ulteriore forza ed energia al comparto del bio ortofrutticolo dell'Italia - ha dichiarato il presidente di Cso Italy Paolo Bruni -. L'idea alla base della nostra progettualità triennale è di mettere insieme protagonisti vincenti e creare sinergie tra le realtà più importanti del settore per esportare l'eccellenza del bio italiano".
Nel prossimo biennio è prevista l'ulteriore partecipazione a fiere di settore, l'organizzazione di workshop, l'allestimento di attività in store nei paesi target e lo sviluppo di altre iniziative con l'intento di raggiungere oltre 24 milioni di utenti singoli, sensibilizzandoli verso i valori del biologico.
 

I prossimi appuntamenti targati Fruit Logistica

Asia Fruit Logistica si svolgerà quest'anno per la prima volta dal 16 al 18 settembre 2020 a Singapore, uno dei principali centri di affari e di commercio in Asia. Le date da segnare in agenda per la manifestazione di Berlino sono dal 3 al 5 febbraio 2021.