Chianti, mercato in crescita nonostante tutto

Vendite in aumento del 6,3% in Italia e dell'1% sul mercato estero nonostante lo stallo del mercato Usa e il calo di quello tedesco. E anche le perdite in Cina per il coronavirus al momento non spaventano il consorzio

chianti-bottiglie-logo-by-consorzio-vino-chianti-jpg.jpg

Chianti, positive le vendite sia in Italia che all'estero
Fonte foto: Consorzio Vino Chianti

Il Chianti Docg chiude il 2019 con un deciso segno positivo: le bottiglie vendute sul mercato italiano sono cresciute del 6,3%, mentre sul mercato globale la crescita è stata dell'1% pari ad un milione di bottiglie in più, nonostante il mercato Usa resti fermo e quello tedesco abbia fatto segnare un calo del 10%.

Per Giovanni Busi, presidente del consorzio, questi dati indicano che il mercato italiano, che è quello di riferimento, ha un apprezzamento crescente per la qualità dei vini Chianti e che i nuovi consumatori, principalmente asiatici e sudamericani, compensano il calo dei tedeschi e lo stallo degli statunitensi.

Questi numeri, per Busi, mostrano che la strada imboccata ormai da anni è quella giusta. Una strada fatta di innalzamento della qualità del prodotto e di promozione dell'immagine sui mercati strategici, vecchi e nuovi.

E il mercato, come ha commentato Busi, riconosce e apprezza questa politica, causando tra l'altro un effetto secondario di grande rilevanza sociale, cioè la tenuta del prezzo anche per i vini sfusi.

Negli ultimi sette anni si evidenzia un incremento del 23% delle bottiglie a denominazione Chianti Docg vendute, con una crescita in valore del 33%, segno di un recupero dei prezzi a scaffale e perciò di una maggiore valorizzazione della denominazione.

E nello stesso periodo, il segmento in bottiglia da 0,75 litri è cresciuto del 7% in volume e del 22% a valore.

Per il 2020 l'attenzione va alla Cina e all'evoluzione nel medio periodo dell'epidemia di coronavirus che sta influenzando i consumi.

Nel terzo trimestre 2019 le vendite in Cina sono state elevate, perché è il periodo in cui gli importatori cinesi riempiono i magazzini in vista delle feste.

Ora però, con l'annullamento dei festeggiamenti per il Capodanno cinese e la chiusura di gran parte dei ristoranti a causa dell'epidemia, c'è il rischio che quelle scorte non vengano smaltite, con un calo quindi delle vendite nei prossimi mesi.

Secondo le stime del consorzio, se l'allarme rientrerà a breve le perdite a livello di vendite dovrebbero assestarsi tra il 5% e il 10%, perdite che possono essere ammortizzate senza grossi problemi se il mercato cinese continuerà ad essere come è stato fino ad ora un mercato che cresce molto anno dopo anno.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 221.966 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner