Agricoltori come primi custodi del suolo, arrivano le Linee guida Fao

Convegno sulla gestione sostenibile. Il pianeta perde 500 ettari al ritmo di ogni mezz'ora

Tommaso Tetro di Tommaso Tetro

suolo-consumo-terreno-terra-by-sawitreelyaon-adobe-stock-750x5001.jpeg

'Suolo e agricoltura: dalla ricerca all'azione' è stato organizzato dal Crea e dalla presidenza della Commissione Agricoltura della Camera
Fonte foto: © Sawitreelyaon - Adobe Stock

Gli agricoltori intesi come primi custodi del suolo per aiutare la tutela di questa risorsa preziosa. Un claim che è anche lo spirito al centro del convegno 'Suolo e agricoltura: dalla ricerca all'azione' organizzato dal Crea e dalla presidenza della Commissione Agricoltura della Camera, in occasione della Giornata mondiale.

In sostanza - è stato spiegato - per combattere le minacce al suolo che colpiscono il nostro pianeta e offrire risposte adeguate bisogna passare dalla ricerca all'azione. Per farlo è necessario elaborare un programma definito tra istituzioni, ricerca e mondo produttivo, con iniziative da intraprendere per la tutela e promuovere una gestione sostenibile, in grado di aumentare la produzione agroalimentare, favorire la qualità nutrizionale degli alimenti e consentire al suolo di mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici.

L'Italia è tra i paesi che hanno tradotto nella propria lingua le Linee guida della Fao per la gestione sostenibile del suolo. Un obiettivo che è stato reso possibile dal progetto europeo Soil4life, a cui partecipano oltre al Crea anche Legambiente, Cia, Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) e il comune di Roma. E' un modo per riconoscere finalmente al suolo la giusta importanza: da esso dipende infatti più del 95% della produzione di cibo sulla terra.

Si tratta di un bene fragile e soprattutto non rinnovabile; basti pensare che per formare soltanto un centimetro di suolo fertile sono necessari dai cento ai mille anni, e che oltre il 33% dei suoli mondiali sono moderatamente o fortemente degradati. Il pianeta perde 500 ettari al ritmo di scatti di mezz'ora, il che significa che si perdono a livello mondiale 75 miliardi di tonnellate di suolo coltivabile all'anno. Un fenomeno che costa circa 400 miliardi di dollari all'anno in termini di produzione agricola persa. Inoltre i suoli coltivati nel mondo hanno perso tra il 25 e il 75% del loro stock di carbonio originario, rilasciato nell'atmosfera sotto forma di CO2 (anidride carbonica), soprattutto a causa di pratiche di gestione non sostenibili che hanno portato così al degrado del suolo e amplificato gli impatti dei cambiamenti climatici.

Una gestione sostenibile del suolo vuol dire salvaguardare, oltre alla produzione e alla sicurezza alimentare, tutti i servizi ecosistemici collegati: immagazzinare e fornire acqua pulita, come per esempio decine di migliaia di chilometri cubi di acqua l'anno, sequestrare carbonio e per esempio regolare le emissioni di CO2 e altri gas serra aumentando così la resilienza ai cambiamenti climatici, conservare la biodiversità.

Le Linee guida della Fao - hanno raccontato gli esperti - rappresentano per questo un importante strumento formativo; ed è anche per questo che ne è prevista la loro diffusione a 5mila aziende agricole italiane.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: convegni sostenibilità suolo

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 232.150 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner