Vino, saldo commerciale in crescita ma cala il prezzo di vendita

Aumento moderato per l'export di vino nel primo semestre 2019. Difficoltà sul mercato cinese, mentre ottime performance in Canada e Giappone, spinti dagli accordi di libero scambio. Prezzi medi in calo

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

vino-tre-bicchieri-rosso-rosato-bianco-by-robynmac-fotolia-750.jpeg

Nel 2019 il saldo della bilancia vitivinicola toccherà i 6 miliardi di euro
Fonte foto: © robynmac - Fotolia

L'Osservatorio Vinitaly - Nomisma wine monitor traccia una panoramica relativa al saldo della bilancia commerciale del comparto vitivinicolo italiano, che dovrebbe raggiungere nel 2019 la cifra di 6 miliardi di euro, nonostante nel primo semestre la crescita sia stata meno strutturata e con prezzi medi in sensibile calo.
Cresce l'export nei paesi terzi oggetto di trattati di libero scambio, come in Giappone e Corea del Sud, e con il Canada, grazie al Ceta. Sul mercato Usa, il principale di destinazione dell'export made in Italy, l'incremento è inferiore rispetto alla media del mercato, mentre in Cina l'unico vino in crescita è la tipologia sparkling.

"Il vino presenta la maggiore incidenza positiva fra tutti i comparti del made in Italy - sottolinea Giovanni Mantovani, direttore di Veronafiere - il record va salvaguardato puntando ancora di più sui mercati esteri emergenti e sulla crescita della fascia premium. La qualità del prodotto è indiscutibile, mentre le tensioni che spingono il prezzo al ribasso si potranno arginare solo accrescendo e andando a cogliere tutte le opportunità di mercato".

Nel primo semestre del 2019, l'export vitivinicolo ha registrato un +3,3% a valore che cela il calo nel mese di giugno (-7,6%), a causa del calo del prezzo medio. Brusca frenata per il prezzo dello sfuso, minore seppure in contrazione per l'imbottigliato. Il prezzo medio segna a livello globale un -5,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con punte del 7,9%.
Scendono le quotazioni in mercati importanti e maturi come Germania (-10,1%), Regno Unito (-3,6%) e Francia (-9,4%). Mediamente il vino italiano viene commercializzato a 2,9 euro/litro sui mercati mondiali, mentre nell'Ue a 2,3 euro/litro.

"La performance italiana nel primo semestre 2019 è la quarta migliore fra i maggiori esportatori - sottolinea il responsabile di Nomisma wine monitor Denis Pantini - Crescono più forte di noi la Nuova Zelanda (+13,2%), Cile (+8,2%) e Francia (+5,9%)".

Sul fronte dei mercati extra-Ue, a mantenere complessivamente in crescita l'export made in Italy sono gli sparkling, con un netto +9,8%. I mercati più vivaci sono Giappone (+15%) e Canada (+4,5%), dove gli accordi di libero stanno spingendo le vendite.
Rallentamento economico e scorte eccessive hanno invece bloccato in questo primo periodo dell'anno l'import cinese (-7,3%).

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: vino viticoltura import/export prezzi mercati vinitaly vitivinicoltura accordo

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 202.191 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner