Campania, al Canapa Day si torna a parlare di trasformazione

A San Tammaro (Caserta) sabato 14 settembre 2019 dalle 9.30 si affronteranno alcuni aspetti di meccanizzazione della coltivazione che possono essere perfezionati. Obiettivo: la valorizzazione di una filiera minore che ha tutti i numeri per essere rilanciata

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

locandina-14-settembre10set2019canapacampania.jpeg

Carditello di San Tammaro (Ce), 14 settembre 2019

Nel 2018 secondo Regione Campania sono stati investiti in Italia 4mila ettari a Cannabis sativa, che in Campania ha un bacino produttivo da circa 200 ettari. Una coltura ancora da valorizzare pienamente, sotto molti aspetti. Se ne parlerà sabato 14 settembre 2019 nel Real Sito di Carditello a San Tammaro (Caserta), dove si terrà la terza edizione del Canapa Day, promosso dalla Società cooperativa Canapa campana.

Il programma di quest'anno "Un territorio comune per lo sviluppo delle filiere minori" prevede un approfondimento sullo sviluppo di una "filiera minore" di grande rilievo per la regione Campania, perché in grado di contribuire alla riduzione dell'impatto ambientale dell'agricoltura, combattendo il consumo di suoli, della desertificazione e della perdita di biodiversità.

Con il supporto di agronomi e accademici impegnati nel settore, la terza edizione intende analizzare le potenzialità e le difficoltà di una coltura che, in altri paesi europei, gode di ben migliori fortune. "Se le parti sementiera ed agronomica sono state messe a punto in maniera soddisfacente, diversamente le problematiche legate alla meccanizzazione di alcune fasi produttive e di trasformazione non hanno trovato ancora una soluzione adeguata" è scritto in una nota di presentazione dell'evento.

"Favorirne la coltura - commentano gli organizzatori - rappresenta perciò un passo importante su aspetti diversi e complementari che vanno dall'agricoltura alla tutela ambientale fino alle attività produttive".

Partner dell'evento sono: Copagri Campania, Cna Campania, Confagricoltura Campania, l'Ordine degli agronomi di Napoli e l'Ordine dei tecnologi alimentari Campania e Lazio, Foodchain, l'Istituto superiore alberghiero "Morano" di Caivano e l'Istituto superiore "Sandro Pertini" di Afragola con il quale da tempo la Società cooperativa Canapa campana collabora.

La giornata inizierà alle 9.30 con un indirizzo di saluto del professor Luigi Nicolais, presidente della Fondazione Real Sito di Carditello. A seguire i saluti di: Giuseppe D'Ambrosio, presidente Cooperativa Canapa campana, Simmaco Perillo, presidente Consorzio Nco, Vera Buonomo, presidente Copagri Campania, Fabrizio Marzano, presidente Confagricoltura Campania e Francesco Geremia, segretario Cna Campania.

L'apertura dei lavori a cura del dottore agronomo Pasquale Crispino, consigliere nazionale dell'Odaf. In programma gli interventi di Salvatore Velotto, presidente Ordine tecnologi alimentari Campania – Lazio, Salvatore Faugno, Nunzio Fiorentino, Raffaele Sacchi e Antonio di Francia, docenti dell'Università degli Studi di Napoli "Federico II" al dipartimento di Agraria. Sempre dell'ateneo federiciano sono attese le comunicazioni di Antonio Formisano, del dipartimento di Strutture per l'ingegneria e l'architettura.

A seguire, sono previsti inoltre gli interventi di: Vincenzo De Feo, del dipartimento di Farmacia dell'Università degli Studi di Salerno, Alfonso Gallo, ricercatore all'Istituto zooprofilattico sperimentale del Mezzogiorno, Gianmaria Baldi, agronomo, Vincenzo Di Michele, avvocato, Vincenzo Linoci, ingegnere energetico, Andrea Del Buono, nutrizionista. Concluderà i lavori Nicola Caputo, consigliere delegato all'Agricoltura del presidente della Regione Campania.

Scarica la locandina di Canapa Day

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: convegni filiera canapa

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.673 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner