Una legge per le città del vino e dell'olio e per la dieta mediterranea

La proposta di legge senza colore politico sottoscritta da tutti per valorizzare l'enogastronomia italiana

Tommaso Tetro di Tommaso Tetro

agroalimentare-cesto-cibo-spesa-by-monticellllo-fotolia-750.jpeg

La proposta di legge prevede risorse da coprire con 15 milioni all'anno a cominciare dal 2019
Fonte foto: © monticellllo - Fotolia

Dalle città del vino e dell'olio alla promozione della dieta mediterranea, attraversando la ricerca, i corsi di laurea specifici e i servizi delle mense scolastiche. Sono alcuni dei passaggi contenuti in una proposta di legge (pdl) alla Camera - presentata da Forza Italia ma controfirmata da M5S, Lega, Pd, e Gruppo Misto - che si dedica alla valorizzazione della produzione enologica e gastronomica italiana.

La pdl prevede risorse da coprire con 15 milioni all'anno a cominciare dal 2019, da prelevare sulle entrate statali delle accise sulle bevande alcoliche, perché - viene spiegato - "per combattere la dipendenza da tali sostanze, più che prevedere disposizioni repressive, è necessario contribuire a sviluppare e diffondere la cultura del vino, compresa nel più ampio patrimonio culturale, artistico, storico e paesaggistico" del nostro paese.

Il primo articolo del testo prevede l'istituzione al ministero delle Politiche agricole del Registro delle associazioni nazionali delle città del vino e dell'olio; inoltre ne riconosce l'operato per "capitalizzare le attività di valorizzazione e di promozione del patrimonio enogastronomico italiano" e per "superare la frammentazione dell'offerta attraverso la promozione di progetti nazionali di eccellenza". Dovranno anche essere identificati i comuni ritenuti luoghi della produzione enologica e gastronomica italiana intesa come un pezzo del più ampio patrimonio culturale, artistico, storico e paesaggistico italiano e che possiedono i requisiti adeguati; questi comuni assumeranno la denominazione di città del vino e dell'olio. E' anche prevista l'istituzione della Giornata delle eccellenze enogastronomiche italiane.

Dovrà poi essere istituito un nucleo di coordinamento delle eccellenze enogastronomiche italiane al ministero, con funzione di consultazione e di valutazione degli interventi legislativi.

Un ruolo fondamentale verrà svolto - secondo quanto previsto dal provvedimento - da specifici percorsi formativi nelle università pubbliche, da parte del ministero dell'Istruzione, attraverso corsi di laurea, dottorati di ricerca, master. Inoltre sarà contemplato anche "l'insegnamento della dietoterapia mediterranea nella clinica sanitaria, nell'ambito dei percorsi didattici dei corsi di laurea magistrale in medicina e chirurgia e delle scuole di specializzazione di area sanitaria". Poi una Commissione dell'enogastronomia di qualità avrà il compito di realizzare un 'Atlante annuale nazionale dell'enogastronomia di qualità'.

La dieta mediterranea ritorna anche nelle mense; il testo dice che nelle gare d'appalto per l'affidamento e la gestione di questi servizi ad asili nido e scuole elementari, medie e superiori, le stazioni pubbliche appaltanti sono tenute a prevedere un punteggio aggiuntivo per le offerte con prodotti tipici della dieta mediterranea. Lo stesso vale per i prodotti destinati ai distributori targati 'dieta mediterranea'.


Leggi anche "Agricoltura, vino con meno burocrazia e percorsi enogastronomici" e "Vigneto eroico, arriva la definizione che salva vino e ambiente"

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: agroalimentare vino olio cibo e alimentazione

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 196.868 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner