Grano duro, Foggia chiude la campagna 2018-2019

La Borsa merci del capoluogo dauno non fissa i prezzi e attende ora il prodotto pastificabile della mietitura 2019. Bari è stabile sia sui grani duri nazionali che esteri. Fermi anche i prezzi all'origine rilevati da Ismea a Matera e Catania

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

grano-campo-frumento-giugno-foto-by-cs.jpg

A Foggia il grano duro bio nella campagna 2018-2019 a guadagnato 30 euro alla tonnellata tra prima e ultima quotazione
Fonte foto: © Cristiano Spadoni - AgroNotizie

I mercati del grano duro fino nazionale all’ingrosso sulle principali piazze italiane sono ormai rivolti alla nuova imminente mietitura 2019 e alla Borsa merci di Foggia ieri, 5 giugno 2019, sulla mietitura 2018 non è stato fissato alcun prezzo per nessuna delle specialità del grano duro.
A Bari invece il 4 giugno prezzi stabili in Borsa merci sull’ultima seduta: sia sui grani nazionali che esteri.
E’ questo il dato di sintesi che si ricava dai listini delle Borse merci di Bari, pervenuto il 4 giugno, e di Foggia stilato ieri. Sui mercati all’origine invece si segnala la stabilità per il grano duro fino rilevato da Ismea sia a Matera che e Catania.
 

Bari, prezzi all'ingrosso

Alla Borsa merci della Camera di commercio di Bari il 4 giugno, il grano duro fino nazionale di provenienza provincia di Bari e Lucania - peso specifico kg 79 ogni 100 litri, proteine minime 13%, umidità massima 12%, bianconato 25% massima – ha confermato i 240,00 euro sui valori minimi e 243,00 euro sui massimi, della seduta del 28 maggio.

Sempre a Bari, il 4 giugno si è registrata la stabilità dei prezzi sui grani duri di provenienza estera: il Canadese di prima qualità con almeno il 15% di proteine ha confermato i 245,00 euro alla tonnellata sui minimi e 248,00 euro sui massimi; stessa sorte per il pastificabile Francese, proteine 14,50%, nuovamente attestatosi a 243,00-245,00 euro alla tonnellata.
 

Foggia non fissa prezzi all’ingrosso

A Foggia il grano duro fino nazionale all'ingrosso della mietitura 2018 ieri, 5 giugno 2019, non ha esitato alcun prezzo, lo stesso dicasi per il grano duro biologico e i grani duri slavati: per questi ultimi si rinvia per le ultime quotazioni a quanto pubblicato da AgroNotizie la scorsa settimana sulla quarantatreesima quotazione di stagione rilevata alla Borsa merci della Camera di commercio dall'Osservatorio prezzi.
 

Foggia, bilancio della campagna commerciale 2018-2019

Il pastificabile sulla piazza di Foggia nell’arco della campagna commerciale 2018-2019 - alle condizioni di "franco partenza luogo di stoccaggio" per il cereale in buone condizioni e con un contenuto proteico minimo del 12,5% - ha fatto registrare una performance decisamente migliore rispetto a quella 2017-2018. Il 29 maggio 2019 il grano duro fino ha chiuso la campagna con 243,00 euro a tonnellata sui valori minimi e 248,00 di prezzo massimo.

Si tratta di valori ancora relativamente elevati: dal 27 febbraio 2019 alla seduta del 27 marzo i prezzi del cereale pastificabile a Foggia si erano tenuti sui valori di 239-244. Le ultime tre quote massime raggiunte dal grano duro fino nazionale a Foggia in questa campagna commerciale sono le seguenti: 247 euro tra il 23 ed il 30 gennaio, 250 euro nella seduta del 10 aprile e infine 253 euro dal 17 aprile all'8 maggio, seduta rispetto alla quale la perdita complessiva al 29 maggio è di 5 euro/tonnellata.

Il prezzo del grano duro fino nazionale a Foggia dal 27 giugno 2018, data della sua prima quotazione con 225-230 euro a tonnellata, ha messo a segno complessivamente sulla mietitura 2018 un rincaro di 18 euro a tonnellata sui valori massimi

Ultima quotazione di stagione il 29 maggio a Foggia anche per il grano biologico, che aveva confermato 390 euro sui minimi e 395 sui massimi. Tali valori risultano così superiori di ben 15 euro ai 375-380, rimasti invariati dal 5 dicembre 2018 fino alla seduta del 27 marzo 2019. Il prezzo del biologico a Foggia dal 4 luglio 2018, data della sua prima quotazione con 360-365 euro a tonnellata, ha messo a segno complessivamente sulla mietitura 2018 un rincaro di 30 euro a tonnellata sui valori massimi.
 

Matera, prezzi all'origine

A Matera il 3 giugno i prezzi in campagna per il grano duro fino locale rilevati da Ismea, alle condizioni "franco azienda", sono stabili sul 27 maggio a 234,00 euro alla tonnellata sui minimi e 240,00 euro alla tonnellata sui massimi. Nell’ultima rilevazione dello scorso mese, Ismea aveva rilevato a Matera un calo di ben 8 euro alla tonnellata - il 4,9% - sul 20 maggio, quando i valori della piazza lucana erano ancora tra i 244,00 euro sui minimi e i 248,00 sui massimi, prezzi che erano rimasti su tali alti valori dal 18 marzo.
 

Catania, prezzi all'origine

In Sicilia le ultime rilevazioni Ismea pubblicate dall'istituto sono del 28 maggio - relative alla piazza di Catania - e risultano prezzi stabili sul 21 maggio per il grano duro fino alle condizioni "franco azienda" a 206 euro alla tonnellata sui minimi e 211 sui massimi. Prezzi stabili così dal 14 maggio, quando si era verificato un ribasso sui valori del 7 maggio dell’1%.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: cerealicoltura import/export biologico prezzi mercati

Temi caldi: Il grano dà i numeri

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 202.585 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner