Tari, per l'agriturismo ci vuole la tariffa ad hoc

Il Consiglio di Stato ha stabilito che le imprese agricole che esercitano l'attività agrituristica sono assoggettate alla tassa sui rifiuti, ma non possono subire la stessa tariffa prevista dai regolamenti comunali per le attività commerciali come quelle alberghiere

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

spreco-cibo-pattume-rifiuti-patryssia-fotolia750x622.jpeg

Tassa sui rifiuti e agriturismi, il Consiglio di Stato fa luce con una recente sentenza
Fonte foto: © Patryssia - Fotolia

L’agriturismo deve pagare la tassa sui rifiuti sì o no? E posto che è soggetto alla tassa sui rifiuti, in che misura deve pagarla? Il Consiglio di Stato in una recente sentenza ha dato due risposte positive e chiare. Ha rilevato che i rifiuti dell’attività agrituristica non possono essere considerati rifiuti agricoli al pari di quelli da attività propriamente agricole - coltivazione del fondo, selvicoltura, allevamento di animali - trattandosi invece di rifiuti di tipo urbano, per cui anche le attività agrituristiche restano assoggettate alla Tari e non possono richiedere l'esenzione. Ma i giudici rilevano anche che vi è una necessaria differenziazione, tipologica e quantitativa, rispetto alle attività commerciali, per cui è da accogliere l'impugnazione del regolamento comunale Tari del comune di Corciano, in Umbria, da parte di alcune aziende agricole relativa alla parte in cui tale regolamento equipara le tariffe per gli alberghi a quelle per gli agriturismi.

La recente sentenza del Consiglio di Stato, n. 1162 del 19 febbraio 2019, ha riaffermato un principio importante: l’attività agrituristica non può essere assimilata a quella alberghiera. Quindi anche la tariffa applicata con la Tari non può essere la stessa. La sentenza, confermando la pronuncia di primo grado - Tar Umbria, sentenza n. 77/2018, pubblicata il 1° febbraio 2018 - ha accolto in toto gli argomenti delle aziende ricorrenti.

I giudici hanno ricordato come le attività di ricezione ed ospitalità esercitate da imprenditori agricoli siano connesse all'attività agricola principale ai sensi della legge quadro sull’agriturismo 20 febbraio 2006, n. 96, contrariamente agli alberghi. L’esercizio dell’impresa agricola è unico e inscindibile dall’attività agrituristica che per nessuna ragione può essere scissa da quella agricola.

L’agriturismo, a differenza delle altre strutture, è soggetto a restrizioni e condizioni di esercizio uniche, tra cui un limite nei giorni di apertura e nel numero di pasti o presenze complessive annue, il che significa una diversa capacità contributiva rispetto agli alberghi.

La stessa produzione di rifiuti è diversa: per le attività agricole si utilizzano imballaggi riutilizzabili, mentre per la ristorazione è obbligatorio l’utilizzo di esclusivo di prodotti propri o delle aziende del territorio, con una considerevole riduzione di rifiuti.

I giudici hanno rilevato che il comune avrebbe dovuto formulare una tariffa realisticamente proporzionata alla connotazione specifica dell’attività ed all’effettiva capacità di produzione per quantità e qualità dei rifiuti: pertanto, il mero utilizzo del metodo normalizzato per formulare le tariffe della Tari non basta quindi a comprendere la particolare forma di attività dell’agriturismo, che non può essere qualificata semplicemente come "utenza “non domestica”". Ne discende che i comuni sono tenuti a formulare una tariffa ad hoc per gli agriturismi, giustamente proporzionata alla loro capacità contributiva e connessa alla reale produzione di rifiuti.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: rifiuti agriturismo giurisprudenza rifiuti agricoli tasse e imposte

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 185.410 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner