Salute e sicurezza sul lavoro: inasprimento delle sanzioni

Modifica dell'apparato sanzionatorio in materia di lavoro e legislazione sociale. A cura di CICA Bologna, Assistenza tecnica e servizi per lo sviluppo delle imprese

231 Academy CICA Bologna di 231 Academy CICA Bologna

lavoro-attrezzature-agricole-macchine-da-lavoro-by-auremar-fotolia-750.jpeg

Le disposizioni trattate sono valide anche per le imprese del settore agricolo e agroalimentare
Fonte foto: © auremar - Fotolia

La nuova legge di Bilancio 2019, legge 30 dicembre 2018, n. 145, tra le tante novità ha introdotto anche la modifica dell'apparato sanzionatorio in materia di lavoro e legislazione sociale.

L'Ispettorato nazionale del lavoro (Inl), con la circolare n. 2 del 14 gennaio 2019 "art. 1, comma 445 lett. d) e f), L. n. 145/2018 - maggiorazioni sanzioni", fornisce indicazioni sull'inasprimento delle sanzioni non solo per il lavoro nero o su aspetti quali orario di lavoro, ferie, distacco transnazionale, ecc; ma anche con riferimento alle violazioni sul tema della salute e sicurezza (D. Lgs. 81/2008), sulle quali ci concentriamo in questo breve intervento.

In particolare, la lett. d) del comma 445 "stabilisce l'aumento del: 
[...]
b. 10% degli importi dovuti per la violazione delle disposizioni di cui al D.lgs. n. 81/2008"
.
Si segnala che le maggiorazioni di cui sopra si applicano per i reati commessi a partire dal 2019 e sono "raddoppiate laddove, nei tre anni precedenti, il datore di lavoro sia stato destinatario di sanzioni amministrative o penali per i medesimi illeciti".

Questi principi sono presenti anche nella nuova revisione (gennaio 2019) del Testo unico in materia di salute e sicurezza dei lavoratori, nello specifico è stata inserita l'appendice C con le tabelle degli importi sanzionatori con la maggiorazione raddoppiata in caso di recidiva. 
A titolo meramente esemplificativo e considerando la sola voce relativa alla sanzione amministrativa, il datore di lavoro che non adotta un documento di valutazione dei rischi conforme all'art. 28 del D.lgs. 81/08 è soggetto ad una ammenda "da 3.071,27 a 7.862,44 euro" (art. 55).

Si ricorda che qualsiasi versione del Testo unico non riveste carattere di ufficialità se non pubblicata in Gazzetta ufficiale mezzo stampa o divulgata sui siti dell'Inl e che la nuova legge di Bilancio risulta pienamente in vigore ed applicabile.

Le disposizioni trattate in questo articolo sono valide anche per le imprese del settore agricolo e agroalimentare.

Fonti:
- circolare N. 2/2019 del 14/01/2019 
- Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro - rev. gennaio 2019
- Newsletter puntosicuro.it

Assistenza tecnica e servizi per lo sviluppo delle imprese 
nei seguenti settori
Agricoltura
 Progettazione e Sviluppo 
Finanziamenti pubblici agevolati
Organizzazione Aziendale
Energie Rinnovabili
Sito internet:  www.cicabo.it
 

Sito internet:  www.231academy.com

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: 231Academy

Autore:

Tag: leggi e decreti sicurezza sul lavoro lavoro agricolo

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 185.079 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner