Vinitaly 2019, tra biologico e design

Tutto esaurito per il 53° salone internazionale dei vini e dei distillati in programma dal 7 al 10 aprile 2019 a Veronafiere. Esordio per Vinitaly design e l'Organic hall

vinitaly-2019-sito.jpg

Verona, 7-10 aprile 2019

Organic hall e Vinitaly design. Sono queste due delle novità dell'edizione 2019 di Vinitaly, che punta su una sempre maggiore specializzazione della rassegna in ottica business. Il 53° salone internazionale dei vini e dei distillati si terrà a Veronafiere dal 7 al 10 aprile prossimi e gli spazi espositivi sono già sold out.

L'ultima edizione ha visto la partecipazione di 32mila buyer esteri su un totale di 128mila presenze da 143 paesi, gestendo una graduale diminuzione  dei visitatori consumer, per i quali è stato potenziato e riprogettato il fuori salone Vinitaly and the City.

Il format rinnovato dei Padiglioni F e 8, permette di accogliere nuove aziende e e permettere, oltre all'ampliamento degli stand di altre già presenti da più edizioni. Nel 2018 Vinitaly ha registrato la presenza di 4.461 espositori da 35 paesi, su una superficie netta di 95.449 metri quadrati.
 

Organic hall (Area F)

Organic Hall, nel padiglione F, accoglierà Vinitalybio, dedicato ai vini biologici prodotti secondo la normativa europea e promosso con Federbio, e la collettiva di produttori artigianali dell'associazione Vi.Te - Vignaioli e Territori. L'incremento della superficie disponibile è finalizzato ad aumentare la visibilità delle aziende che hanno puntato maggiormente sulla sostenibilità delle produzioni e, nel caso dei vini artigianali, ad accrescere la consapevolezza dei buyer rispetto a queste produzioni con iniziative come convegni e specifiche masterclass.
 

Vinitaly design ed Enolitech (Area F)

Sempre nel padiglione F vi saranno anche Enolitech e il nuovo salone Vinitaly design, che propone prodotti e accessori che completano l'offerta legata alla promozione del vino e all'esperienza sensoriale: dall'oggettistica per la degustazione e il servizio, agli arredi per cantine, enoteche e ristoranti, sino al packaging personalizzato e da regalo. Questa iniziativa permette di mantenere all'interno di Enolitech unicamente le tecnologie e le attrezzature per la produzione, in vista del cambio di cadenza della rassegna che dal 2020 si svolgerà negli anni pari in concomitanza con Fieragricola.
 

Vinitaly design international packaging Competition

Al nuovo salone Vinitaly Design è legata un'altra novità: il renaming del Concorso internazionale packaging, giunto alla 23° edizione (in programma il 13 marzo 2019), che diventa Vinitaly design international packaging Competition. Il cambiamento intende evidenziare in chiave marketing la presentazione del vino, visto come uno dei driver che guidano i consumatori nella scelta. Inoltre saranno  ammess in gara due nuove categorie: vermouth e altri vini aromatici e birra.
 

Nuovi espositori nel padiglione 8

La nuova ubicazione di Vinitalybio e dei produttori artigianali ha reso possibile la presenza di un numero maggiore di aziende nella collettiva dei vignaioli indipendenti di Fivi, in costante crescita anno su anno, oltre all'entrata di nuovi espositori o l'ampliamento di superficie per incontrare le richieste di alcuni fra quelli già presenti.
 

International wine Hall

L'International wine hall di Vinitaly è un'area dedicata alle degustazioni dei vini e distillati esteri che abbina la parte espositiva con un calendario di workshop e degustazioni, affermandosi come un punto di promozione distintivo e unico per le produzioni estere di edizione in edizione. Quest'anno si registra l'ingresso di nuovi espositori dalla Francia, il raddoppio di quelli provenienti dalla Spagna, le conferme totali delle presenze della scorsa edizione, l'ampliamento delle aree dell'Ungheria e della Croazia, il ritorno del Kosovo
 

Incoming

Vinitaly intende facilitare l'incontro a Verona tra la domanda e l'offerta internazionale: questo lo scopo della promozione della rete dei delegati di Veronafiere nel mondo e l'attività di Ice Agenzia favorita dal coinvolgimento di Vinitaly nel piano di promozione straordinaria del made in Italy che porterà la partecipazione di buyer da 50 paesi. Si conferma l'attenzione della rassegna veronese sia ai mercati storici tra i quali Nord America, Regno Unito, Germania e Giappone, sia verso nuove piazze dove il consumo di vino sta diventando sempre più una tendenza: Cuba, Messico e Colombia, Cina, Thailandia, Vietnam e Filippine.
 

Nove lingue per il catalogo online

Il catalogo online Vinitaly directory official Catalogue & Business Guide, da quest'anno parla nuove lingue: dopo l'italiano, l'inglese e il cinese amplia infatti le opportunità di contatto con i buyer, inserendo le lingue francese, tedesco, spagnolo, russo, giapponese e portoghese.
 

Degustazioni

Fitto il calendario di degustazioni, ogni anno diverse e irripetibili. Già fissato il programma di Tasting ex... press, il giro del mondo tra i migliori vini del mondo realizzato da Vinitaly in collaborazione con le più importanti riviste enologiche internazionali. Il giorno dell'inaugurazione torna come da tradizione il walk around tasting dei Tre Bicchieri del GamberoRosso, mentre tra promozione dei vini e social si colloca l'iniziativa Young to Young, che coniuga le degustazioni con la verve comunicativa dei migliori giovani blogger del vino. Una delle novità di quest'anno, saranno le masterclass dedicate ai vini artigianali, realizzate in collaborazione con l'associazione Vi.te.
 

Vinitaly: non una fiera ma un "sistema"

Molte le iniziative in programma. A Verona, durante il periodo di Vinitaly 2019, è in calendario dal 29 marzo al 2 aprile un corso della Vinitaly international Academy, diretta dal professor Attilio Scienza, per la certificazione di Ambassador ed Expert del vino italiano, che i hanno superato quota 200 nel mondo (con l'obiettivo di arrivare a 300 entro quest'anno).

Dal 3 al 5 aprile spazio alle selezioni del Five star wines - The book, che prevede da questa edizione la possibilità per ogni espositore di Vinitaly di partecipare gratuitamente con un proprio campione, e che rappresenta, con l'espressione del punteggio in centesimi, un vero e proprio sistema di rating certificato da Vinitaly, grazie alla valutazione di esperti internazionali per specifiche aree e tipologie vinicole.

Dal 5 all'8 aprile è in calendario, inoltre, il fuori salone Vinitaly and the city, sotto la direzione di Paolo Massobrio, destinato al segmento consumer, con programmi e iniziative mirate alla diffusione della cultura del vino, del bere moderato e consapevole.

Alla vigilia dell'inaugurazione di Vinitaly, il 6 aprile, OperaWine propone il Grand tasting dei migliori 103 vini italiani selezionati da Wine Spectator per l'edizione 2019, nell'unico evento organizzato all'estero dall'importante rivista statunitense.

In contemporanea con Vinitaly ed Enolitech, dal 7 al 10 aprile 2019 è in programma Sol&Agrifood, il salone internazionale dell'agroalimentare di qualità, dove l'olio extravergine di oliva (Evoo), le birre artigianali e i prodotti alimentari realizzati da piccole e medie aziende saranno protagonisti.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 196.413 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner