Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Umani Ronchi, la tendenza è il biologico

Al Vinitaly un'altra cantina rinomata che punta sul biologico e guarda con grande fiducia all'utilizzo del QdC® - Quaderno di Campagna di Image Line

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

vigneti-prosecco-vigneto-vigna-vite-by-stillkost-fotolia-750.jpeg

Verdicchio e Rosso Conero sono i prodotti di punta di Umani Ronchi
Fonte foto: © Stillkost - Fotolia

Umani Ronchi è una storica cantina marchigiana fondata nel 1957 da Gino Umani Ronchi a Cupramontana, nella terra del rinomato Verdicchio, cuore vitivinicolo delle Marche.
Grande l'innovazione messa in campo dalla famiglia Bernetti, con Massimo e il figlio Michele, che guidano l'azienda con uno staff giovane e motivato, guardando con fiducia all'estero e alle ottime prospettive di mercato fuori confine.

Verdicchio e Rosso Conero sono i prodotti di punta della cantina, che può contare su oltre 200 ettari di cui circa la metà a biologico. E la tendenza è proprio questa, crescere con il prodotto biologico, come ci spiega Michele Bernetti, titolare insieme al padre Massimo della rinomata cantina marchigiana.
"Più che una questione commerciale, certamente importante ma non decisiva - sottolinea - il biologico è una tendenza che guarda all'ambiente e a una migliore sostenibilità. Il fatto di avere una buona fetta dell'azienda a biologico rispecchia la nostra sensibilità e la nostra attenzione all'ambiente, ai nostri lavoratori e alle nostre produzioni".

Nelle proprie attività, inoltre, la cantina Umani Ronchi utilizza il QdC® - Quaderno di Campagna di Image Line, la soluzione innovativa per una gestione efficace, smart e corretta dell'azienda agricola.

Quali sono le novità che Umani Ronchi ha portato al Vinitaly?
"Anche quest'anno per noi il Vinitaly è stato l'appuntamento più importante per promuovere tutta la nostra gamma di vini. E' stato un momento di confronto e di incontro con i nostri clienti. Esportiamo circa il 60-70% del nostro prodotto fra mercati asiatici, Europa e Sud America. Al Vinitaly il focus è stato su un Metodo Classico Rosè 30 mesi a base Montepulciano, prodotto nuovo che abbiamo lanciato da circa tre mesi".

Quali sono i vantaggi dell'utilizzo del QdC® - Quaderno di Campagna per la vostra azienda?
"E' certamente uno strumento molto utile che semplifica il lavoro - spiega dall'ufficio tecnico Jonatan Rotatori - ci è servito molto: un po' per quanto riguarda il registro di tutte le operazioni in campo e un po', questione molto importante, per la gestione e il controllo delle varie giacenze di magazzino".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: vino viticoltura import/export biologico intervista vinitaly made in italy vitivinicoltura

Temi caldi: Vinitaly 2018