Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Nord Italia, le ultime novità regionali

Risorse in arrivo dal Veneto per le fiere di settore, fondi dall'Emilia Romagna per la copertura dei rimborsi dei danni da fauna e infine un milione di euro in Friuli per i progetti agroambientali

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

soldi-euro-banconote-by-marco-scisetti-fotolia-750.jpeg

Soldi per l'agricoltura e l'agroalimentare nelle regioni del Nord
Fonte foto: © Marco Scisetti - Fotolia

Risorse per la promozione agroalimentare veneta, rimborsi totali per i danni da fauna in Emilia Romagna e risorse per i progetti sulla gestione dell'acqua e l'agroclima. Queste, in sintesi, le novità principali dalle regioni Nord nell'ultima settimana.


Emilia Romagna

Danni da fauna selvatica, i rimborsi saranno fino al 100%
Cambiano le regole per gli aiuti di Stato per i danni causati dalla fauna selvatica. L'Emilia Romagna potrà riconoscere agli agricoltori, in base alla normativa degli aiuti di Stato, i contributi relativi ai danni provocati non solo dalle specie selvatiche protette, ma anche da quelle non tutelate che vivono in zone protette.

"Si tratta di un notevole risultato - sottolinea l'assessore regionale all'Agricoltura Simona Caselli - siamo i primi in Italia ad ampliare le garanzie per le aree coltivate. Oggi solo per le specie protette e per quelle viventi nelle aree tutelate si esce dal regime "de minimis", e i contributi potranno essere erogati fino al 100% dei danni subiti. Sono poi previsti dei finanziamenti per misure di prevenzione e protezione delle specie animali e delle coltivazioni".

L'assessorato regionale concederà finanziamenti anche per interventi di prevenzione delle produzioni zootecniche, così come è compreso il rimborso dei capi uccisi e le cure veterinarie per quelli feriti.


Veneto

Agroalimentare, 1,2 milioni di euro per fiere, mostre e investimenti in web marketing
La Regione Veneto ha definito il piano di promozione per le eccellenze agroalimentari ed enogastronomiche regionali, destinando fondi per circa 1,2 milioni di euro, in particolare a sostegno delle fiere di settore in Italia e in Europa, passando poi per investimenti in campagne di web marketing.

Fra le fiere principali naturalmente Vinitaly e Fieracavalli a Verona, Fruit Logistica a Berlino, il Prowein a Dusseldorf, oltre a mostre importanti come Golosaria, Gourmandia, Gusto in Scena, Flormart, Sorsi d'autore e Caseus Veneti.
Tutte vetrine d'eccellenze per le organizzazioni e consorzi di produttori vocati a rendere maggiormente più apprezzate le eccellenze del settore primario.

"La giunta regionale ha stanziato 1,2 milioni di euro per valorizzare le produzioni venete nelle fiere più note e qualificate - sottolinea l'assessore regionale alla promozione e al turismo Federico Caner - il programma promozionale per il settore primario si rivolge in particolare alle produzioni tipiche e di qualità, oltre che allo sviluppo di imprese del comparto agroalimentare veneto, punto di forza per l'intero territorio regionale. Come già detto, parte di queste risorse all'interno del piano sono destinato a investimenti in marketing e allo sviluppo di app che possano raggiungere un pubblico vasto ed eterogeneo".
 

Friuli Venezia Giulia

Pagamenti agro-climatico ambientali, 1 milioni di euro di fondi
La giunta regionale ha approvato il bando per l'attuazione della tipologia per gli approcci collettivi agro-climatico-ambientali del Piano di sviluppo rurale 2014 - 2020. L'obiettivo è fornire servizi agro-ecosistemici, consentendo di perseguire obiettivi ambientali specifici per territori definiti. Affinchè la fornitura di tali servizi si perpetui oltre i limiti temporali del sostegno pubblico, è opportuno che questa assuma carattere di autosostenibilità, affiancando alla valorizzazione ambientale, la valorizzazione economica e quella sociale.

Viene sostenuto lo sviluppo di progetti collettivi agro-climatico ambientale, finanziando la realizzazione di studi sulla zona interessata, studi di fattibilità, stesura di piani aziendali e ambientali. Le operazioni ammesse devono essere funzionali alla realizzazione di infrastrutture agroecologiche per la protezione e la gestione integrata dell'acqua.
La dotazione finanziaria totale è di 1 milione di euro.

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner