Siccità al Sud, più gasolio agevolato per irrigare

Regione Puglia ha già deciso, lo ha annunciato il 19 luglio 2017 l'assessore Di Gioia. In Campania c'è già un'intesa tra organizzazioni agricole e assessorato all'Agricoltura

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

siccita-terreno-secco-terra-by-aquiles1184-fotolia-750.jpeg

Sempre meno acqua nei bacini del Sud e si ricorre all'emungimento dei pozzi con motori a gasolio
Fonte foto: © aquiles1184 - Fotolia

Siccità al Sud, è l’ora di finanziare l’irrigazione d’emergenza mediante l’emungimento dei pozzi con pompe e motori, quasi sempre alimentati a gasolio.

A poche ore di distanza gli assessorati all’Agricoltura delle Regioni Puglia e Campania si sono attivati in tal senso, disponendosi per incrementare la disponibilità di agevolazioni fiscali per l’acquisto di gasolio da parte degli utenti di motori agricoli, gli agricoltori, impegnati in prima persona a fronteggiare quella che sembra destinata a passare negli annali agrari come la peggiore siccità del Mezzogiorno d’Italia dal 2000 in avanti.

In Puglia c’è già il provvedimento regionale - incremento del 150% dell'accredito di imposta per tutti, mentre in Campania è atteso a breve, il 50% di incremento più un suppletivo del 10% per le aziende zootecniche, dopo che sui contenuti si è raggiunto un accordo con le organizzazioni agricole.

"In arrivo una maggiorazione delle agevolazioni carburante per risollevare gli agricoltori dalla grave siccità in cui versa da settimane anche la nostra regione".
Lo fa sapere oggi - 19 luglio 2017 - l’assessore regionale alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Leonardo Di Gioia, commentando l’adozione di una determina regionale con la quale si è deciso di incrementare del 150% l’accredito di imposta tramite carburante ad accisa agevolata per le operazioni agricole.

“Si tratta di un intervento importante per sostenere le critiche condizioni degli agricoltori alle prese con la grave mancanza di acqua, che rischia di rovinare raccolti di un’intera annata. La maggiorazione per l’anno in corso riguarda diverse operazioni agricole: l’aratura, i trattamenti fitosanitari, le operazioni di irrigazione e di abbeveramento degli animali - spiega Di Gioia, che aggiunge - Abbiamo, quindi, giustamente accolto le istanze degli agricoltori e delle organizzazioni di categoria per tutelare le colture irrigue e gli allevamenti, provati dalla crisi idrica e dalle temperature elevate, sopra la media stagionale”.

La maggiorazione concessa riguarda coloro che hanno già fatto richiesta, entro il 30 giugno, delle agevolazioni carburante per le operazioni previste dal decreto ministeriale del 30 dicembre 2015.

Anche l’assessorato all’Agricoltura della Regione Campania ha dato, in data 18 luglio 2017, il via libera per l’assegnazione supplementare di carburante agli agricoltori costretti da settimane a fare irrigazione di soccorso. A darne notizia una nota della Cia Campania, mentre non vi sono ancora comunicazioni ufficiali da parte dell’Assessorato, che ha in preparazione l’atto.

In Campania la crisi determinata dalla siccità degli ultimi mesi, sulla quale la giunta regionale per la Campania ha già avanzato al governo la richiesta dello stato di calamità, oltre al danno diretto rappresentato da coltivazioni e produzioni in affanno, conta numerosi danni indiretti a cominciare dall’aumento dei consumi di gasolio.
Gli agricoltori devono costantemente adoperare motori per attingere acqua da pozzi, fluenze e bacini e con consumi oramai alle stelle.

Riuniti presso la Direzione generale agricoltura della Regione Campania, i rappresentati delle maggiori associazioni di categoria hanno condiviso la necessità di disporre un’assegnazione supplementare pari al 50% dei consumi medi per irrigazione su tutte le superfici agricole irrigue.
Non solo, per la prima volta è stata condivisa anche la necessità di concedere un suppletivo del 10% anche al settore zootecnico, un riconoscimento importante per i numerosi allevamenti bovini e bufalini attualmente in grande difficoltà.

“Le aziende agricole oltre al danno alle produzioni, subiscono anche i maggiori costi legati alla necessità di interventi irrigui straordinari con conseguenti consumi di gasolio - osserva Alessandro Mastrocinque, presidente di Cia Campania e vicepresidente nazionale di Cia agricoltori italiani - La crisi sta colpendo in modo orizzontale tutto il territorio regionale e ha danneggiato tutte le colture. Dopo il via libera dei tecnici ci aspettiamo il provvedimento regionale al più presto”.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: organizzazioni agricole ambiente irrigazione siccità sgravi fiscali

Temi caldi: Sos siccità 2017

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 242.293 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner