Piano assicurativo individuale, a rilento la compilazione

Agrinsieme Emilia Romagna chiede un intervento urgente del Mipaaf per risolvere i problemi della piattaforma Sian

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

giovani-agricoltori-allevatori-computer-internet-by-ivonne-wierink-fotolia-750x500.jpeg

Problemi informatici sul Sian bloccano la compilazione del Pai
Fonte foto: © Ivonne Wierink - Fotolia

Agrinsieme Emilia Romagna interviene sul tema delle assicurazioni, avanzando al ministero delle Politiche agricole una richiesta urgente di ulteriore semplificazione.

Si tratta dell’obbligatorietà, prevista da Agricoltura 2.0, di produrre il Pai (Piano assicurativo individuale) – spiega Antonio Dosi, presidente di Cia Emilia Romagna e coordinatore di Agrinsiemecon tempistica antecedente alla sottoscrizione di certificati assicurativi atti a chiedere il contributo previsto dal Psr nazionale. La procedura informatizzata prevista e sulla quale i Centri di assistenza agricola sono tenuti a lavorare, risulta tuttora lenta. Non è stato neppure possibile sperimentarla in anticipo, comportando così tempi medi di compilazione improponibili rispetto all’urgenza che gli agricoltori hanno di assicurare le proprie produzioni”.

La piattaforma internet predisposta dal Ministero è il Sian, che per l’appunto risulta ancora non operativa; un programma di gestione con enormi lacune che bloccano e non permettono la compilazione del Pai. Nel contempo – continua Dosi – le condizioni meteo che si sono verificate durante tutto l’inverno hanno prodotto un anticipo importante delle fasi fenologiche delle piante quantificabile in almeno 20-30 giorni. In Regioni quali l’Emilia Romagna, la Campania, la Puglia e la Sicilia abbiamo attualmente gli albicocchi in fase di allegazione avvenuta, peschi, nettarine e susine in piena fioritura".

"Come Agrinsieme abbiamo apprezzato l’ulteriore sforzo semplificativo inserito nel Decreto ministeriale - conclude Dosi - ma riteniamo sia insufficiente rispetto alle esigenze del mercato. Chiediamo quindi di intervenire con un atto amministrativo volto a rimandare, temporaneamente, la norma che prevede la sottoscrizione della copertura assicurativa agevolata in data uguale o posteriore a quella di emissione del Pai”.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: assicurazioni azienda agricola burocrazia internet

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 243.434 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner