L'export agroalimentare traino dell'economia italiana

Agrinsieme vede positivamente la tendenza delle vendite estere di beni nazionali, ma chiede strumenti per consolidare le esportazioni

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

agroalimentare-formaggi-salumi-verdure-by-brebca-fotolia-3744x5616.jpg

Cresce, secondo l'Istat, l'appeal dell'agroalimentare italiano all'estero
Fonte foto: © Brebca - Fotolia

Nel primo trimestre 2015 l'export agroalimentare si consolida come asset strategico dell'economia italiana, grazie alle performance positive particolarmente per le regioni nord-orientali (+2,9%) e meridionali (+2,5%), che hanno trainato le vendite di beni nazionali all'estero. I dati Istat confermano il trend positivo dell'agroalimentare.

Tra le attività economiche, quella agricola è infatti la terza voce in termini di crescita percentuale (+7,8%) dell'export made in Italy, dietro soltanto ai mezzi di trasporto e ai prodotti per il trattamento dei rifiuti, mentre l'alimentare è la terza forza fra le attività manifatturiere.

A livello regionale, nell'Italia nord-occidentale, le vendite oltre confine di prodotti agricoli crescono a un ritmo più che doppio (+5%), rispetto al totale nazionale (+2,1%), mentre l'export alimentare aumenta del 2,5%. Al Sud l'aumento delle esportazioni agricole è cresciuto di oltre il 18%, mentre al Nord-Est e al Centro gli aumenti sono rispettivamente del 6,7% e dell'8%.

Il settore sta raccogliendo la sfida dell'internazionalizzazione e i dati sono incoraggianti – commenta Dino Scanavino, coordinatore di Agrinsime e presidente nazionale di Cia – la crescita della domanda globale di cibo, unita alla crescita dell'interesse dei consumatori verso prodotti ad elevato contenuto qualitativo e distintivo, rendono quella dei mercati internazionali la principale via di sviluppo per le imprese agricole italiane”.

Per rafforzare la leadership e trovare efficaci percorsi di valorizzazione sui mercati esteri – continua Scanavino – è necessario che lo straordinario patrimonio made in Italy venga affiancato da adeguati strumenti e interventi volti a consolidarne la base strutturale delle aziende e la sfera organizzativa della filiera. Oltre a ciò, il calo drammatico delle vendite sul mercato russo, per effetto della crisi con l'Ucraina, rende urgente una revisione del quadro di strumenti per la gestione delle crisi e dei rischi in agricoltura che passi attraverso politiche innovative rispetto al passato, sia a livello nazionale che in ambito comunitario. In questa prospettiva Agrinsieme, con oltre un milione di aziende agricole, 5mila cooperative, il 40% del valore della produzione agricola, rappresenta un interlocutore strategico nei confronti delle istituzioni per sollecitare la definizione degli interventi richiamati”.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: agroalimentare import/export mercati made in italy

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 187.350 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner