Maltempo, Gargano: "Aprire i cantieri per sistemare il territorio"

Il presidente dell'Anbi ribadisce l'urgenza di sbloccare le risorse per il dissesto idrogeologico

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

gargano-massimo-presidente-anbi-2014.jpg

Massimo Gargano, presidente Anbi

La tragedia che sta vivendo il promontorio del Gargano conferma due cose: l’inadeguatezza della rete idraulica del Paese alle bombe d’acqua che ripetutamente stanno investendo porzioni del territorio, causando danni ingentissimi oltre che perdite di vite umane; la piaga dell’abusivismo e la presenza di disegni urbanistici privi del benché minimo rispetto dell’assetto idrogeologico. A fronte di ciò, accanto all’affermazione di un modello di sviluppo rispettoso del territorio, chiediamo lo sblocco almeno delle risorse reperite dal certosino lavoro dell’Unità di missione contro il dissesto idrogeologico e l’apertura urgente di cantieri in tutta Italia”. A dichiararlo è Massimo Gargano, presidente dell’Associazione nazionale bonifiche e irrigazioni, Anbi.

Torniamo quindi a ribadire - continua Massimo Gargano - che i progetti annualmente presentati dai Consorzi di bonifica e raccolti nel Piano Anbi per la Riduzione del rischio idrogeologico (3.383 progetti per 7.795 milioni di euro) sono perlopiù immediatamente cantierabili: nella sola Puglia era stata indicata, ancora nello scorso febbraio, la necessità di 90 cantieri per un importo complessivo di 319 milioni di euro; una cifra importante, ma quanto costerà ora riparare i danni e rilanciare l’economia turistica del solo Gargano?
 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.746 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner