Vino, Martina sui domini web: "Lotteremo fino in fondo"

Il ministro delle Politiche agricole sottolinea che la questione della vendita di .vin e .wine sarà centrale nel semestre di presidenza italiana dell'Unione europea

Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

vino-rosso-bicchiere-bottiglia-by-igor-klimov-fotolia-750x536.jpeg

Nella questione della vendita dei domini .vin e .wine, il Governo italiano scende in campo a difesa del made in Italy
Fonte foto: © Igor Klimov - Fotolia

Il Governo italiano è determinato ad assumere un’iniziativa forte sull’annosa questione dei domini .vin e .wine durante il semestre di presidenza italiana dell’Unione europea. Siamo coordinati con il ministro Guidi e il sottosegretario Giacomelli per accelerare sulle azioni di contrasto alla vendita di domini che sfruttino il made in Italy agroalimentare in maniera assolutamente impropria”.

Così il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina, è intervenuto sulla vicenda della vendita dei domini web .vin e .wine da parte dell'Internet corporation for assigned names and numbers (Icann), l’ente statunitense che gestisce appunto l’assegnazione dei domini.

Dobbiamo fare squadra con gli altri Stati membri – ha proseguito il ministro Martina – e proteggere comunemente e con decisione il nostro patrimonio di denominazioni, che è in serio pericolo per la politica di un ente privato come l’Icann. Lotteremo fino in fondo per la tutela delle nostre indicazioni d’origine su internet, perché la partita del web è decisiva per il futuro dell’agroalimentare italiano ed europeo. Non è ammissibile che le nostre denominazioni possano essere vendute come termini generici a chi non rappresenta il territorio, il tessuto produttivo e l’anima di chi vive e opera in questi luoghi".
"Non rinunceremo a dare battaglia in tutte le sedi possibili - ha concluso Martina - perché qui c’è in gioco non solo l’interesse dei produttori di vino, ma quello dell’Italia e dell’Europa al rispetto delle proprie leggi”. 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 256.717 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner