Pannelli solari cinesi, niente dazi provvisori dall'Ue

Entro il 5 dicembre la Commissione europea deciderà se imporre le misure definitive nell'indagine anti-sussidi e anti-dumping

Isabella Sanchi di Isabella Sanchi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

pannelli_ok.jpg

La Commissione deciderà entro il 5 dicembre in merito ai dazi definitivi

La Commissione europea non imporrà misure provvisorie nel corso dell'indagine anti-sussidi relativa ai pannelli solari, celle  e wafer prodotti in Cina. L'inchiesta è parallela all'indagine anti-dumping sui pannelli solari, ed è iniziata l'8 novembre scorso. La Commissione doveva decidere entro nove mesi se imporre o meno i dazi provvisori e ha optato per evitarli.

Al termine di entrambe le indagini, le conclusioni saranno sottoposte a tutte parti interessate; dopo l'analisi delle considerazioni la Commissione emetterà le risoluzioni finali. Entro il 5 dicembre si dovrà decidere se imporre i dazi definitivi.

Per l'approfondimento leggi QUI

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Autore:

Tag: energie rinnovabili unione europea fotovoltaico

Temi caldi: fotovoltaico

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 238.894 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner