Agroalimentare e lobby, scatta l'operazione trasparenza

Il ministro Catania ha presentato il decreto per rendere trasparente l'interazione tra il mondo delle lobby e il ministero. Nasce l'Unità di controllo a costo zero

Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

mario-catania-conf-stampa.jpg

Mario Catania, ministro delle Politiche agricole

“Abbiamo adottato questo provvedimento per rendere completamente trasparente l’attività di interazione tra il ministero e il mondo delle lobby. Per raggiungere questo obiettivo verrà istituito un registro dei lobbisti e tutti quelli che vorranno interagire con l’Amministrazione dovranno risultare iscritti.
Con le nuove norme introduciamo precise disposizioni per regolamentare i rapporti che intercorrono tra il ministero e i rappresentanti di particolari interessi e istituiamo il nucleo centrale che coordinerà queste fasi, ‘l’Unità per la Trasparenza’, un ufficio specifico che comprenderà personalità ad hoc".
Lo ha detto il ministro delle Politiche agricole, Mario Catania, alla presentazione del decreto ministeriale che punta a rendere trasparente l’interazione tra l’attività del ministero e quella delle lobby dell’agroalimentare.

"Tutto sarà a costo zero, non ci sarà nessuna remunerazione per gli appartenenti all’Unità che conterà su membri interni all’amministrazione e su soggetti esterni che presteranno servizio a titolo gratuito. Con orgoglio sottolineo che questo ministero ha il merito di aver fatto per primo questa operazione, che immagino potrà essere seguita anche dalle altre Amministrazioni”.

Il decreto

- Unità per la Trasparenza

Il decreto sulle lobby istituisce, presso il Mipaaf, l’Unità per la trasparenza che sarà composta da 5 persone che svolgeranno tale incarico a titolo gratuito e sotto lo stretto coordinamento del Capo di Gabinetto.

- La consultazione trasparente

Compito primario dell’Unità è curare le procedure di consultazione, obbligatorie per legge, dei lobbisti del settore agro-alimentare nelle fasi di elaborazione dei disegni di legge e dei regolamenti ministeriali di competenza.
I lobbisti che desiderino partecipare a tali consultazioni sono tenuti ad iscriversi in un Elenco pubblico ('Elenco dei portatori di interessi particolari').
L’Elenco, al pari di tutti i documenti prodotti dalle lobbies, saranno consultabili da chiunque sul sito internet del ministero all’indirizzo www.politicheagricole.it

- L’Elenco dei lobbisti

In tale Elenco i portatori di interessi particolari dovranno indicare:
a) i dati anagrafici e il domicilio professionale del portatore o dei portatori di interessi particolari, nonché le eventuali ulteriori attività professionali comunque svolte;
b) i dati identificativi del datore di lavoro, ovvero i dati identificativi del soggetto committente;
c) l’interesse o gli interessi particolari che si intendono rappresentare;
e) le risorse economiche e umane di cui si dispone per lo svolgimento dell’attività di rappresentanza.

 

- Le relazioni annuali: un altro strumento di trasparenza

I soggetti iscritti potranno, inoltre, trasmettere ulteriori proposte, studi, documenti, ricerche all’Unità per la trasparenza al fine di rappresentare i propri interessi.

Vi è l’obbligo per i soggetti iscritti di presentare, ogni anno, una relazione sintetica dell’attività svolta. In caso di mancata presentazione della relazione, il soggetto sarà cancellato e non potrà più partecipare alle consultazioni.

Il ministro riferirà annualmente al Parlamento, nell’ambito della più generale relazione sullo stato di attuazione dell’analisi di impatto della regolamentazione (Air), sullo stato di attuazione del decreto e sull’attività di lobbying posta in essere al Mipaaf.
 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.588 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner