La crisi non risparmia il vino

Presentato a Zagabria il Rapporto sulla situazione della vitivinicultura mondiale nel 2008, nel corso del Congresso mondiale della vigna e del vino organizzato dall'Oiv

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

federico castellucci oiv.JPG

Federico Castellucci, direttore generale dell'Oiv

In occasione del Congresso mondiale della vigna e del vino a Zagabria, il 29 giugno 2009, dinanzi ai rappresentanti ufficiali degli Stati membri dell’Oiv, Federico Castellucci ha riconosciuto che la crisi internazionale non ha risparmiato il settore vitivinicolo mondiale.
 
La presentazione delle statistiche del 2008 è stata l'occasione per constatare un rallentamento degli scambi commerciali in volume di vini e un ribasso sicuro a livello del consumo mondiale di vino. Il direttore generale dell'Organizzazione ha tuttavia notato la forte implicazione, incoraggiante, degli Stati membri dell’Oiv, nell'attuazione del Piano strategico dell’Oiv che dovrebbe permettere alla filiera vitivinicola di rispondere alle aspettative dei produttori e dei consumatori e così ristabilire gli equilibri necessari allo sviluppo sostenibile del settore vitivinicolo mondiale.
"Raccogliere le sfide della crisi che colpisce il nostro settore - ha concluso Federico Castellucci - richiede più che mai una partecipazione attiva degli Stati membri dell’OIV e una maggiore capacità di fare proposte, fondata sulla competenza unica dell'Organizzazione".
La relazione annuale dell’Oiv tratta della superficie in vite, della produzione e del consumo di vino, dei volumi d'esportazione e d'importazione di vini, come pure della produzione di uva destinata al consumo fresco e della produzione di uva passa.

La superficie viticola mondiale diminuisce nel 2008, raggiungendo 7742 mha, ovvero, -17 mha rispetto al 2007. La produzione mondiale d’uva del 2008 s’inscriverebbe, con quasi 677,9 millioni di quintali, il leggero aumento rispetto a quella del 2007 (+11,6 milioni di quintali / 2007). La produzione mondiale di vino nel 2008 (esclusi succhi e mosti) si situa attorno ai 269,0 Mio d’hl, ovvero una leggera diminuzione di circa 0,4 Mio d’hl rispetto al 2007. 
 
Il consumo mondiale di vino, nel 2008, registra una diminuzione di quasi 2,4 Mio d’hl rispetto all’anno precedente, con un totale di circa 244,9 Mio d’hl contro 247,2 Mio d’hl nel 2007. I volumi importati  nel 2008 (83,6 Mio d’hl in totale) sono in leggera diminuzione rispetto a quelli del 2007 (-1,4 Mio d’hl / 2007 dopo un aumento di 4,6 Mio d’hl tra il 2006 e il 2007). I volumi esportati nel 2008 (89,0 Mio d’hl in totale) sono in leggera diminuzione rispetto a quelli del 2007 (-0,4 Mio d'hl dopo un aumento di 5,6 Mio d'hl tra il 2006 e il 2007).

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 239.850 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner